healthy fruits blueberries sweet

Regno Unito, un passo avanti con British Berry Growers

British Summer Fruits, l’organismo di settore che rappresenta il 95% di tutti i coltivatori commerciali di frutti di bosco del Regno Unito, si rilancia e cambia marchio diventando British Berry Growers.

Dal 1992, l’associazione di categoria del Regno Unito per l’industria dei frutti rossi ha sostenuto i coltivatori britannici nella creazione di una filiera da oltre un miliardo di sterline, la più grande dell’orticoltura britannica.

Obiettivo: 100% del mercato del Regno Unito

L’ambizione di British Berry Growers è che i frutti di bosco stagionali britannici continuino a fornire il 100% del fabbisogno del Regno Unito e che, entro il 2035, le esportazioni del settore siano superiori del 50% ai volumi di vendita britannici.

L’organizzazione avrà quattro priorità di impegno. La prima è garantire la comprensione del contributo positivo dell’industria britannica dei frutti di bosco a un’economia rurale sostenibile e alla salute del Paese, e definire una politica governativa che sostenga la missione di British Berry Growers.

Regno Unito: l'associazione British Berry Growers
Il nuovo logo di British Berry Growers

La seconda priorità è quella di indirizzare la ricerca e lo sviluppo delle bacche, leader a livello mondiale, a sostegno del trattamento di parassiti e malattie, dell’utilizzo delle colture e dell’efficienza futura, compresa la riduzione dell’impronta di carbonio, dei rifiuti e dell’acqua dell’industria britannica delle bacche.

In terzo luogo, l’ente di settore cercherà di incrementare le vendite di frutti di bosco attraverso la sensibilizzazione e il sostegno dei consumatori britannici, concentrandosi in primo luogo sui frutti di bosco britannici e stimolando la domanda complessiva dei consumatori attraverso la copertura di 52 settimane all’anno.

Infine, British Berry Growers si propone di identificare e affrontare i principali rischi del settore per garantirne la redditività a lungo termine e fornire supporto ai produttori di bacche del Regno Unito.

Il lancio di British Berry Growers segna un momento emozionante per l’industria britannica dei frutti di bosco.

Nick Marston, presidente di British Berry Growers.

“L’industria britannica dei frutti di bosco è una vera e propria storia di successo per le imprese britanniche”, ha affermato Nick Marston, presidente di British Berry Growers. “Oggi vale oltre 1,6 miliardi di sterline all’anno, il valore della categoria è raddoppiato in un solo decennio. I nostri coltivatori sono al centro dell’economia rurale e il nostro settore è riconosciuto come un fattore chiave per l’autosufficienza alimentare del Regno Unito”.

“British Berry Growers sosterrà l’instancabile lavoro dei nostri coltivatori di bacche, sia grandi che piccoli, e li sosterrà mentre si adattano alle sfide future della produzione stagionale di bacche”, ha aggiunto Marston. “Siamo qui per garantire il successo a lungo termine della filiera britannica delle bacche”.

La creazione di British Berry Growers comporta il lancio di un nuovo comitato consultivo dedicato alla ricerca e sviluppo. Il suo scopo sarà quello di permettere a British Berry Growers di essere riconosciuta come una delle migliori associazioni di colture al mondo dal punto di vista tecnico e ambientale.

Sono stati inoltre nominati due nuovi direttori non esecutivi all’interno dell’organizzazione British Berry Growers.

L’ex europarlamentare Anthea McIntyre CBE entra a far parte dell’organizzazione per consigliarla e sostenerla nelle questioni politiche, mentre la dottoressa Louise Sutherland apporta la sua esperienza pluriennale nel settore agro-tecnologico per gestire e istituire il comitato consultivo di R&S di recente costituzione.

British Berry Growers continuerà a finanziare Love Fresh Berries, la campagna di PR e social media dell’organizzazione, attiva tutto l’anno, per promuovere fragole, lamponi, mirtilli e more e tutte le attività del settore.

British Berry Growers conta attualmente 9 membri e 8 membri associati tra Inghilterra e Scozia, che complessivamente rappresentano il 95% dei piccoli frutti britannici acquistati nei principali supermercati del Regno Unito e una quota rilevante del prodotto di importazione.

Fonte: Fruitnet
Fruitnet è parte del network di NCX Media

NCX Media network

Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!