Lampone Olanda: i produttori denunciano 4 supermercati

Nei Paesi Bassi da qualche tempo diverse organizzazioni agricole, tra cui la NFO e la LTO, hanno avviato colloqui con il commercio al dettaglio olandese denominati “Creazione di valore nelle filiere”.

In questo ambito supermercati, trasformatori, agricoltori e orticoltori lavorano insieme per sviluppare la filiera. L’agricoltore è un partner commerciale con il quale viene sviluppato un prodotto distintivo a lungo termine, per il quale il consumatore è disposto a pagare un prezzo superiore. In questo approccio, l’agricoltore non è un fornitore intercambiabile di una materia prima. Allo stesso tempo, si sta creando una scuola di business che unisce le conoscenze di tutte le parti della filiera. Ai partecipanti alla scuola di business viene insegnato ad applicare un approccio di filiera nella loro pratica quotidiana.

Tutte le catene con cui i settori sono in discussione indicano il valore aggiunto della frutta proveniente dalla zona e vogliono che sugli scaffali ci sia il maggior numero possibile di prodotti olandesi.

Ma Dov’è il lampone olandese?

In una nota del 9 giugno 2002 intitolata “Dove si trovano i lamponi olandesi sugli scaffali dei negozi?” la NFO ha dichiarato che “tuttavia l’immagine degli scaffali dei negozi di oggi non sempre corrisponde a questa intenzione”.

Queste belle parole e buone intenzioni sembrano al momento promesse vuote per il lampone nostrano.

NFO (Organizzazione olandese dei frutticoltori)

Secondo NFO “una visita a diversi supermercati, Spar (Driscolls), Coop, Jumbo e Aldi, dimostra che vengono scelti solo prodotti stranieri. Il Portogallo è il favorito e non si trova nemmeno un lampone olandese. Questo mentre il lampone olandese è ampiamente disponibile al momento.”

La NFO ha chiesto spiegazioni alle varie catene di supermercati e invita le catene a “evitare che ciò accada in futuro”.


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 4 / 5. Numero voti: 1

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!