Robot al lavoro in Portogallo per la raccolta dei lamponi

Una società con sede a Cambridge ha fatto passi significativi nel suo lavoro per sviluppare una gamma di robot per la raccolta della frutta per sostenere il settore agricolo. I robot per la raccolta dei lamponi sviluppati da Fieldwork Robotics – una società spinout dell’Università di Plymouth – sono stati ora distribuiti commercialmente in due località del Portogallo.

I robot – dotati di quattro bracci di raccolta – stanno lavorando con successo in modo autonomo, con la tecnologia dei sensori e le pinze che sono state completamente riprogettate per ridurre lo slittamento e ridurre il tempo di raccolta.

I robot di Fieldwork Robotics sono al lavoro in due aziende in Portogallo

Come risultato, la frutta raccolta ha superato tutti i controlli di qualità, e l’azienda sta lavorando per accelerare ulteriormente il processo di raccolta in modo che ogni robot possa raccogliere 2 kg di frutta all’ora.

Sta anche facendo progressi nei suoi sforzi per abbattere i costi di produzione, con cambiamenti nei materiali utilizzati per i robot che dovrebbero tagliare i costi di oltre il 20 per cento.

Robot e agricoltura

Fieldwork Robotics è stata lanciata nel 2016 per sviluppare e commercializzare il lavoro del docente di robotica Dr Martin Stoelen, e la società ha ora sede presso il Paddocks Business Centre di Cambridge. Il suo obiettivo è sempre stato quello di creare robot autonomi che possano lavorare a fianco della forza lavoro umana e garantire il riempimento di eventuali vuoti di produttività.

Attualmente ha sviluppato due sistemi – una raccoglitrice verticale che può essere regolata a seconda dell’altezza delle piante di frutta, e una piattaforma orizzontale che può navigare in diversi ambienti agricoli ed essere distribuita attraverso le file di colture per la raccolta senza supervisione umana.

Robot di Fieldwork Robotics per la raccolta dei lamponi
Un robot di Fieldwork Robotics pronto per iniziare la giornata lavorativa

I progressi nella tecnologia e nell’attività commerciale hanno recentemente visto l’azienda ricevere il New to Market Award nel UK-Portugal Department for International Trade Business Awards.

Rui Andres, direttore e CEO di Fieldwork Robotics, ha detto: “Il solo Regno Unito sta affrontando una carenza di circa 90.000 raccoglitori, e questo ha un potenziale impatto sulla disponibilità di cibo. Il nostro scopo è sempre stato quello di aiutare i coltivatori a raccogliere tutto ciò che producono, mantenendo gli sprechi al minimo assoluto e garantendo che possano operare in modo sostenibile”.

“Attraverso i nostri progressi tecnologici e le implementazioni commerciali, stiamo facendo progressi reali nello sviluppo dei nostri robot di raccolta. I lamponi sono molto delicati, quindi abbiamo dovuto sviluppare una tecnologia che può applicare una pressione sufficiente per liberare il frutto dal gambo senza danneggiarlo. Allo stesso tempo, i nostri sensori sono ora così avanzati che possono dire se il frutto è pronto per essere raccolto o no, il che significa che ciò che può essere venduto è tutto ciò che viene raccolto”.

Dal suo lancio, Fieldwork ha raccolto fondi significativi attraverso investimenti esterni e raccolta di fondi azionari, supervisionati dal partner di commercializzazione dell’università Frontier IP.

Ciò ha incluso la raccolta di 675.000 sterline attraverso una raccolta di fondi azionari da investitori esistenti e nuovi nel marzo 2021, e un finanziamento di più di 850.000 sterline da Innovate UK per accelerare lo scale up del suo robot di raccolta dei lamponi per portarlo sul mercato.

L’azienda ha sviluppato una stretta collaborazione con alcuni dei principali produttori di frutta e verdura del mondo, tra cui Bonduelle e Hall Hunter Partnership, lavorando anche per ottimizzare la sua tecnologia in collaborazione con gli ingegneri di Bosch.

Oltre ai lamponi, i suoi robot possono essere adattati a diverse colture cambiando gli algoritmi del software e gli strumenti all’estremità dei bracci di raccolta.

I lamponi sono un prodotto molto difficile da lavorare, poiché è necessaria la giusta pressione per rilasciare ogni bacca senza ammaccarla. Per superare questo problema, la tecnologia sviluppata da Fieldwork Robotics usa una combinazione di telecamere 3D, sensori e apprendimento automatico per identificare se un frutto è abbastanza maturo per essere raccolto.

Le quattro braccia di raccolta del robot si muovono poi verso il frutto e applicano pressione al gambo di ogni frutto, piuttosto che alla bacca stessa. Questo assicura che i lamponi non vengano danneggiati, e i test hanno dimostrato che la qualità della frutta raccolta è la stessa di quella raccolta dai lavoratori umani.

L’obiettivo a lungo termine è che ogni robot sia in grado di raccogliere più di 25.000 lamponi nel corso di una giornata, ma può continuare a lavorare finché le sue batterie mantengono la potenza. Al contrario, i lavoratori umani ne raccolgono circa 15.000 in un tipico turno di otto ore.


Advertisements

Fonte: BusinessWeekly

Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 5 / 5. Numero voti: 3

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!