Arandano - INTA Concordia - Argentina

Argentina, 7 nuove promettenti varietà allo studio

Dall’istituto di ricerca argentino INTA Concordia, un team di ricercatori sta accompagnando i produttori della società argentina Blueberries S.A. nella valutazione di sette nuove varietà di mirtilli originarie degli Stati Uniti. L’obiettivo è quello di generare informazioni su di loro in condizioni locali che possono essere diffuse nella regione, utili per tutti i produttori argentini.

Si tratta di cinque varietà del gruppo di mirtilli Southern Highbush (adatte per i climi a basso fabbisogno di freddo) e di due varietà del tipo Rabbiteye ottenute da un programma di breeding firmato con l’Università della Georgia, Stati Uniti, nel 2016 dalla società Blueberries S.A.

Nel 2019, le sette varietà sono state piantate su un ettaro di campo. Da quel momento in poi, con il supporto di INTA Concordia, è stato effettuato il monitoraggio fenologico della fioritura, la qualità dei frutti da raccogliere e la post-raccolta di questo lotto.

La valutazione effettuata si basa sulla certezza che il comportamento dei mirtilli può variare in base a quello sviluppato nella loro zona di origine. “Dopo due anni di valutazione, abbiamo informazioni sul comportamento di queste varietà e abbiamo trovato un risultato promettente per alcune di esse”, ha detto María Fernanda Rivadeneira, una specialista di INTA Concordia.

Adattamento alle condizioni in Argentina

Si è osservato che, nella maggior parte delle varietà, il periodo di fioritura evita il periodo delle gelate ed è più tardivo rispetto alle varietà più diffuse in Argentina. Inoltre, sono state ottenute migliori dimensioni dei frutti e una durezza simile o superiore a queste varietà tradizionali.

Per quanto riguarda le raccomandazioni per l’impianto, gli specialisti mettono in evidenza varietà come Suziblue, che ha mostrato un aumento delle dimensioni, una buona fermezza, un buon post-raccolto, Missalimei, con una produzione notevole, e Ojo de conejo, una varietà tardiva con caratteristiche di produzione e qualità eccezionali, in vista del consumo del mercato interno in dicembre e gennaio.

Mirtillo Suziblue
Mirtillo Suziblue

D’altra parte, si sta lavorando per ampliare la finestra di produzione nella zona, cercando varietà precoci e tardive. Le varietà regionali concentrano la loro produzione durante i mesi di ottobre e novembre. In questo senso, si tratta di anticipare la frutta di agosto e settembre per ottenere una produzione fino a dicembre.

Quello che cerchiamo principalmente è che la frutta arrivi bene ai mercati di destinazione“, ha aggiunto Darío Azcárate, produttore di Blueberries S.A. La produzione di mirtilli è in gran parte destinata ai mercati dell’emisfero nord che richiedono frutta di alta qualità. In questo senso, è importante che possano resistere al trasporto marittimo, dove passano tra i 30 e i 40 giorni, ed è per questo che le prove di conservazione post-raccolta vengono effettuate per simulare un trasporto marittimo lungo e corto.

Fonte: Chacra


Advertisements

Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 5 / 5. Numero voti: 1

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!