Tayberry

Tayberry, l’ibrido scozzese di mora e lampone

Origine

Rilasciato nel 1979 dallo Scottish Crop Research Institute (SCRI), è stato formato dall’incrocio della mora Aurora con un lampone conosciuto come 626/67. Il tayberry ha una crescita e un frutto simile al loganberry, che a sua volta è simile alla mora. Come si legge nel brevetto vegetale “questa varietà assomiglia al loganberry in alcuni aspetti, ma è superiore ad esso per quanto riguarda la dimensione dei frutti, la resa, il colore della frutta, il modo di presentazione dei frutti e la facilità di propagazione per talea.”

Il nome tayberry deriva dal principale fiume scozzese, il Tay, sulle rive del quale sorgeva lo Scottish Crop Research Institute, oggi The James Hutton Institute.

Derek Jennings, il noto breeder di frutti di bosco che ha creato tra l’altro la gamma di lamponi Glen, ha selezionato questo ibrido assieme a David Mason ed ha affermato in sintesi:

Tayberry è sostanzialmente un loganberry migliorato.

Derek Jennings, breeder del tayberry

Sempre Jennings ricorda come ben presto il tayberry ebbe un’importante sviluppo: “i produttori continuarono a scrivere delle loro esperienze con il Tayberry e ci fu eccitazione nel 1998, quando un appassionato del Buckinghamshire scrisse per dire che le sue piante erano diventate senza spine. Presi una vanga e andai a trovarlo e il risultato fu il Buckingham Tayberry, che registrammo insieme poco dopo. Questa è ora la forma principale coltivata. Tali mutazioni si verificano frequentemente in questo tipo di materiale, ma questa è stata scoperta solo 18 anni dopo la selezione del Tayberry, mentre il Loganberry senza spine non è stato scoperto fino al 1929, circa 49 anni dopo che il giudice ha iniziato a fornire ai suoi amici il suo nuovo frutto”.

Diffusione

Essendo di origine scozzese, il tayberry è diffuso principalmente nel Regno Unito. Inizialmente ebbe una diffusione ampia anche negli Stati Uniti tra gli hobbisti.

Il Tayberry Victorian Cottage B&B (Washington State) testimonia la diffusione del tayberry nel nord-ovest degli Stati Uniti

Caratteristiche

I frutti del tayberry crescono su corti e robusti rami laterali su canne spinose lunghe circa 2 metri. Il frutto del tayberry, come quello del lampone e della mora, è un frutto aggregato che consiste in un insieme di drupe. I frutti succosi sono a forma di cono, di colore viola intenso e lunghi fino a 4 cm.

Come una mora, il nucleo rimane nella bacca quando viene raccolta.

Sono disponibili due varietà:

  • Buckingham Tayberry: cultivar senza spine ma di scarsa produttività
  • Tayberry ‘Medana‘: ha frutti rosso-viola di grandi dimensioni, buona produttività

Il frutto è al suo meglio quando è maturato in un colore rosso porpora. I tayberry sono un po’ meno acidi dei loganberry, con un sapore forte e leggermente aspro.

I frutti sono ottimi non solo per essere mangiati freschi direttamente dalla pianta, ma anche cotti, congelati e per fare marmellate. E’ in commercio anche il vino di tayberry, che viene descritto come fruttato, dolce e corposo, la birra di tayberry,

TAYBERRY WINE BOTTLE
Il vino di tayberry di Krause Farms Ltd (USA)

Produzione

La conduzione e i requisiti colturali sono simili a quelli per le more. Le piante avranno bisogno di protezione al di sotto di -15°F.

Le piante sono molto vigorose e richiedono un traliccio robusto per il sostegno. Le rese commerciali possono essere interessanti, fino a 30 tonnellate per ettaro. Le piante di tayberry producono costantemente raccolti più alti delle loganberry. E’ autofertile.

Essendo a fioritura più tardiva, c’è meno possibilità di un’allegagione ridotta o di danni ai frutti in anni freddi – particolarmente utile per i produttori delle zone più fredde. La raccolta avviene da luglio a settembre.

I tayberry non si raccolgono facilmente a mano e non possono essere raccolti a macchina, per questo motivo non sono mai diventati una coltura ampiamente diffusa.

I tayberry sono un’ottima coltura da coltivare sotto le finestre come barriera di sicurezza per la casa, perché i rami sono particolarmente spinosi.

In Italia le piante di tayberry si possono trovare presso i principali vivai che trattano piccoli frutti:

Tayberry sui social

Approfondimenti

Italian Berry – Tutti i diritti riservati (licenza CC)


Foto: Victoriana

Advertisements

Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 5 / 5. Numero voti: 3

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!

Un commento

I commenti sono chiusi.