Perù, esportazioni record: +36% con 60 varietà di mirtillo in produzione

La campagna del mirtillo peruviano del 2021/22 ha generato un record di 120.000 posti di lavoro diretti, secondo l’associazione industriale Proarándanos. Il direttore generale Luis Miguel Vegas, ha detto che il 52 per cento delle posizioni sono state occupate da donne.

“Questo sviluppo decentralizzato è stato dovuto alla produzione di mirtilli in regioni come Ancash, Cajamarca, Ica, La Libertad, Lambayeque, Lima, Moquegua e Piura, ed è stato anche accompagnato da investimenti in infrastrutture e programmi sociali per migliorare i livelli di istruzione, salute e benessere nelle zone di produzione”, ha detto Proarándanos.

Nel 2016, solo circa 13 varietà di mirtillo sono state raccolte in Perù, mentre oggi si stima che ci siano 60 varietà diverse coltivate a livello nazionale.

Alla fine di novembre, 73 aziende peruviane hanno spedito 175.574 tonnellate di mirtilli freschi, con un aumento del 36% rispetto allo scorso anno.

Gli Stati Uniti hanno rappresentato il 55% del volume delle esportazioni, equivalente a 95.735 tonnellate. Questo rappresenta un aumento del 46 per cento rispetto al 2020/21. Altre 51.634 tonnellate e 23.612 tonnellate sono state destinate rispettivamente all’Europa e alla Cina, con una crescita dell’11% e del 75%.

L’India, che ha recentemente aperto ai mirtilli peruviani, ha assorbito 26 tonnellate di mirtilli trasportati per via aerea finora in questa stagione.


Fonte: Fruitnet

Foto:

Italian Berry – Tutti i diritti riservati (licenza CC)

Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!