Blue Royal è il nuovo brand premium dalla Nuova Zelanda

Blue Royal è il nuovo nome dei piccoli frutti neozelandesi. Il team dietro il marchio premium ha promesso di offrire ai consumatori dei mirtilli “super-gustosi e super-grandi”.

“Sarete in grado di distinguere immediatamente un Blue Royal dagli altri mirtilli”, ha detto il responsabile del marketing globale di Blue Royal, Mel Auld. “Ogni bacca è sempre della stessa dimensione, paffuta, e il suo colore blu profondo la distingue dalle altre”.

Il marchio Blue Royal, che in precedenza si era guadagnato un seguito sul mercato neozelandese con il nome di Eureka, sarà utilizzato per commercializzare mirtilli coltivati in Nuova Zelanda, prodotti con genetica proveniente da Mountain Blue in Australia. Auld ha detto che le bacche sono il risultato di decenni di innovazione e ricerca di mercato, che ha creato un’offerta che si distingue dalle altre varietà.

Per trasmettere questo messaggio, è stato sviluppato un packaging dorato distintivo per il marchio Blue Royal. “Abbiamo progettato la nostra confezione per riflettere un senso sia della qualità che del lusso quotidiano di questa delizia di frutta fresca”, ha detto Auld. Il marchio Blue Royal arriverà sugli scaffali della Nuova Zelanda a metà ottobre, dopo l’inizio del raccolto di mirtilli del paese.

Auld ha detto che un gruppo ristretto di frutticoltori in Nuova Zelanda è stato selezionato per fornire frutta per il programma. “I nostri coltivatori sono alcuni degli agricoltori più esperti di Aotearoa (Nuova Zelanda) con un alto livello di eccellenza tecnica”, ha detto. Sono orgogliosi quanto noi di far parte del marchio Blue Royal”.

“C’è una vera e propria eccitazione in vista della stagione, mentre facciamo il conto alla rovescia per il lancio. Sono eccitati quanto noi di vedere le famiglie in tutto il paese che si godono la qualità e la freschezza delle bacche Blue Royal“. Auld ha detto che anche i mercati di esportazione fanno parte nei piani di sviluppo. “Stiamo puntando a portare i mirtilli Blue Royal i tutto il mondo, e vogliamo che le famiglie di tutto il mondo diventino familiari con questo nuovo marchio innovativo dalla Nuova Zelanda”.


Fonte: Fruitnet

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 5 / 5. Numero voti: 1

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!