Australia, il mirtillo sta per sorpassare le fragole

Hort Innovation Australia raccoglie i dati di reddito dell’industria sui raccolti di bacche australiane – fragole, mirtilli e bacche del tipo rubus (lamponi e more).

a chart showing how blueberries crop value has risen to almost match strawberries.
Fatturato berries in Australia

Non ha ancora pubblicato i numeri dell’ultimo anno finanziario, ma le tendenze suggeriscono che il raccolto nazionale di mirtilli è sulla buona strada per sorpassare le fragole in valore di produzione dopo aver quasi triplicato il valore dal 2013.

Costa Australia, il più grande produttore di bacche del paese, ha aumentato il suo tonnellaggio di mirtilli del 23,9 per cento nella prima metà del 2021 rispetto al 2020, mentre il tonnellaggio di fragole è sceso del 6 per cento.

Tuttavia, il coltivatore e commerciante di mirtilli Josh McGuiness ha detto che non si aspetta che superino presto le fragole. Egli cita il dominio delle fragole al dettaglio e una stagione difficile per gli agricoltori. “Quest’anno è stato particolarmente difficile per i coltivatori di mirtilli sulla costa orientale; siamo scesi del 30 per cento in tonnellate rispetto all’anno scorso”.

Che i mirtilli conquistino o meno la corona, la tendenza è innegabile e la corsa per la bacca più preziosa dell’Australia è iniziata. Ogni anno, le fragole vengono acquistate più spesso e da più famiglie di qualsiasi altra bacca in Australia. Questa tendenza è costante su base annuale, ma non è più costante di mese in mese.

Nelle prossime settimane, i mirtilli diventeranno la bacca numero uno in Australia quando le fragole inizieranno a rallentare per i coltivatori del Queensland”, ha detto il signor McGuiness.”Durerà dalle otto alle dodici settimane a partire da ora, fino a novembre/dicembre”.

Ha detto di aver visto questo modello per due anni, guidato da un‘ampia disponibilità di mirtilli che coincide con una pausa delle fragole durante la primavera e l’estate. “In questo momento, i mirtilli sono al loro picco, quindi stiamo vedendo una buona fornitura e un buon valore per i nostri clienti”, ha detto un portavoce di Woolworths.

I raccolti di bacche in Australia e i mercati al dettaglio sono strettamente legati perché le bacche sono così difficili da importare. “C’è un piccolo periodo in gennaio/febbraio in cui importiamo mirtilli dalla Nuova Zelanda, ma entro 10 anni sospetto che questa finestra si chiuderà considerevolmente perché i rivenditori e i consumatori preferiscono la coltivazione locale”, ha detto il signor McGuiness.

“Le fragole non si esportano molto bene e non si importano molto bene – hanno circa la metà della durata di conservazione dei mirtilli”.

L’ascesa dei mirtilli non è venuta fuori dal nulla – ha seguito un investimento significativo e il lavoro sul loro breeding e coltivazione in Australia. Peter McPherson coltiva bacche da più di 30 anni. Oggi presiede Berries Australia ed è a capo della divisione bacche di Costa.

A man in a blueberry farm holding up some fruit

Peter McPherson dice che i costi di produzione saranno sempre il tallone d’Achille dei coltivatori australiani.(ABC: Alex Blucher)

“In Australia possiamo coltivare mirtilli 52 settimane all’anno, freschi. Penso che siamo stati il primo [paese a farlo]”.

La fornitura di mirtilli per tutto l’anno è avvenuta lo scorso decennio, proprio mentre la genetica dei mirtilli e le pratiche di coltivazione venivano migliorate. Questa tempesta perfetta di investimenti e sforzi, guidata dai coltivatori australiani, è il motivo per cui i mirtilli sono più gustosi e più economici che mai.

Come ha detto l’International Blueberry Organisation (IBO) nel suo rapporto del 2021, “quello che manca all’Australia in termini di volume di mirtilli, lo compensa con il suo contributo all’innovazione del settore a livello globale, [aiutando] ad alimentare l’aumento esponenziale della genetica a bassa temperatura nel mondo”.

La superficie coltivata a mirtillo in Australia è più che triplicata nell’ultimo decennio. I mirtilli sono ora più grandi, più dolci, più croccanti e più duraturi grazie a questo investimento genetico. Questo ha portato gli australiani a comprare i mirtilli come frutto da spuntino, non solo come ingrediente, e in quantità maggiori. “I cestini da 125 grammi sono troppo piccoli per una famiglia standard”, ha detto il signor McGuiness. “Sulla costa orientale, Coles, Aldi e Woolworths hanno tutti un cestino da 300 grammi ora, e nel Victoria hanno un cestino da 170 grammi”.

Fonte

Foto di RitaE da Pixabay


Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 3.5 / 5. Numero voti: 2

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!