Costa finanzia una ricerca su una lingua elettronica per valutare il gusto dei mirtilli

Un progetto che mira a valutare e mantenere la qualità dei mirtilli post-raccolta sta usando una nuova tecnologia per la valutazione del gusto degli alimenti freschi.

La studentessa del Tasmanian Institute of Agriculture (TIA) Sarah McKay (foto) è all’ultimo anno del corso quadriennale di laurea in Scienze Agricole e ha presentato il suo progetto Honours al Honours Seminar venerdì 8 ottobre.

Per il suo progetto: Evaluating Post-Harvest Shelf-Life, Quality Characteristics and Their Optimisation in Blueberry Fruit (Vaccinium spp.), Sarah ha utilizzato un sistema di lingua elettronica (e-tongue), oltre a diversi altri metodi strumentali e un panel umano per il confronto.

“Il mio progetto riguarda il mantenimento e la valutazione della qualità post-raccolta attraverso diverse condizioni di conservazione, principalmente la temperatura e la sua influenza sulle caratteristiche qualitative chiave dei mirtilli freschi nel tempo”, ha detto Sarah.

Le caratteristiche comprendono il colore, l’aroma e la consistenza, con particolare attenzione all’influenza che le condizioni hanno sui profili di gusto“. L’e-tongue è una tecnologia che non è stata usata estensivamente sulla frutta fresca, specialmente sui mirtilli, quindi questo è uno dei punti principali del mio progetto”, ha detto Sarah.

Sarah è una dei 12 studenti dell’anno Honours che presenteranno i loro progetti finali al pubblico dal vivo e online, e all’Australian Institute of Agriculture (AIA) per il giudizio del premio studentesco statale, con il vincitore che rappresenterà la Tasmania al National Student Awards. “Le presentazioni fanno parte della valutazione finale degli studenti e forniscono un’opportunità per l’impegno dell’industria mentre gli studenti si preparano ad affrontare le loro carriere professionali”, ha detto Beth Penrose, docente di Scienze dei pascoli e coordinatrice del TIA Honours.

Le connessioni industriali acquisite durante il corso di laurea sono vitali per il successo dei progetti degli studenti e contribuiscono al tasso di occupabilità molto alto dei laureati TIA Honours. “I gradi insegnati da TIA in agricoltura, scienze agrarie e microbiologia hanno tutti una forte attenzione all’esperienza pratica e all’impegno diretto dell’industria per aiutare a rendere gli studenti pronti per il lavoro non appena si laureano”.

Sarah spera che il suo progetto veda applicazioni nella vita reale per aiutare a mappare le abitudini di acquisto dei consumatori in base alle caratteristiche di qualità.

La collaborazione con l’industria e le competenze e conoscenze che ha acquisito grazie al suo progetto di laurea – che è stato realizzato grazie al finanziamento di Costa – saranno presto messe a frutto, dato che ha già accettato una posizione da laureata alla Hillwood Berries. “Ho avuto la fortuna di lavorare per Costa, con cui ho sviluppato questo progetto. L’esperienza sul campo nel settore dell’orticoltura è inestimabile e spero che mi aiuterà nel futuro impiego”, ha detto Sarah.

“Il momento migliore della mia ricerca è stato lavorare con professionisti del settore per sviluppare un progetto che aiutasse l’industria a confermare e/o migliorare i metodi di conservazione dei mirtilli dopo la raccolta”, ha detto Sarah.

“Spero che questo studio possa aiutare l’industria a determinare la temperatura e il periodo di conservazione corretti per mantenere la qualità di una serie di varietà chiave di mirtillo coltivate in Tasmania, così come aiutare l’industria a utilizzare tecnologie alternative come la lingua elettronica per misurare le caratteristiche qualitative chiave durante la conservazione per mappare l’accettazione del consumatore e la durata di conservazione basata su queste qualità”.

Fonte: Tasmanian Institute of Agriculture


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!