Nuova tecnologia per misurare la durezza dei berries incrociandola con i dati di campo

Il Premio Scienza con Impatto assegnato ogni anno dall’Università di Concepción (Cile), ha premiato l’accademico della Facoltà di Ingegneria Agraria (FIAUdeC), Dr. Christian Correa Farías, per la licenza di un dispositivo per misurare la durezza e la struttura interna dei mirtilli e altre bacche. In questa occasione, la menzione in Trasferimento Tecnologico è andata al Dr. Correa, per il suo contributo allo sviluppo della tecnologia per misurare la durezza e la struttura interna delle bacche e la sua licenza alla start-up Trion SpA.

Necessità della filiera

Per quanto riguarda l’invenzione che gli ha fatto guadagnare la distinzione, ha riconosciuto il suo carattere speciale, dal momento che “questo era fondamentalmente una risposta a una necessità che abbiamo rilevato in collaborazione con i produttori di mirtilli“, ha detto il ricercatore, che dirige il Laboratorio di Robotica di Campo, di FIAUdeC.

Lo specialista in robotica e automazione per l’agricoltura ha spiegato che una difficoltà presente nel mondo agricolo è determinare gli effetti di gelo, colpi o altri eventi. “Questi danni non possono essere rilevati a occhio nudo (…) Abbiamo preso questi requisiti, che sono stati ripetuti ogni volta che abbiamo avuto una visita con le aziende, e abbiamo iniziato con alcuni test durante due stagioni, che ci ha permesso di avere un prototipo più robusto, che abbiamo presentato al concorso di brevettazione dell’Università”, ha ricordato l’accademico.

Premian licenciamiento de dispositivo para medir firmeza de arándanos – La  Discusión

Ha riferito che nessuna azienda “era disposta a investire nell’idea perché, in fondo, hanno evitato il problema, ma non hanno visto come risolverlo in modo rapido, efficiente ed economico. Inoltre, le aziende avevano altri progetti più prioritari”.

“Così abbiamo deciso di prendere la strada noi stessi come Università – ha continuato il professore -, come un laboratorio in un primo momento, investendo i nostri fondi, il nostro tempo, e lo sviluppo di un prototipo, e poi è andato attraverso tutte le fasi che Corfo genera come una linea guida di ciò che uno sviluppo di queste caratteristiche dovrebbe essere: lo abbiamo sviluppato all’interno dell’Università, lo abbiamo presentato a un fondo competitivo in collaborazione con la società Trion, abbiamo vinto quel fondo, che ci ha permesso di passare dal prototipo a un prodotto minimo vitale, che è qualcosa che è pronto ad andare sul mercato per essere testato e dimostrare le sue caratteristiche, abbiamo poi trasferito questo brevetto che avevamo ottenuto per questo prodotto alla società, ed è già sulla strada per fare le sue prime vendite, è in fase di scala industriale, definendo aspetti come il design, quindi speriamo che questa stagione i primi dispositivi saranno operativi sul terreno “, ha detto.

Nel 2016, è stato richiesto un brevetto per la nuova tecnologia, che è stato concesso nel 2018. E il 4 giugno dello scorso anno, il contratto di licenza è stato firmato tra l’Università di Concepción e Trion Soluciones de Ingeniería SpA, incaricata della convalida. e commercializzazione della nuova tecnologia.

Trion è stata creata nel 2018 da alumni della Facoltà: Alan Vera Muñoz e Fernando Bolaño Pacheco. “Hanno partecipato come studenti allo sviluppo di questa squadra, all’interno dell’Università, prima di creare l’azienda. Più tardi, hanno creato la loro azienda e come sapevano il prodotto erano probabilmente il più adatto a sviluppare le loro condizioni tecniche “, ha commentato il dottor Correa.

Alan Vera Muñoz e Fernando Bolaño Pacheco, titolari della start-up Trion che ha depositato il brevetto del nuovo strumento per misurare la durezza dei piccoli frutti. (foto: OTL UdeC)

Consultato sulla rapida ascesa di questa soluzione, dalla sua concezione alla sua licenza, l’ha attribuita al fatto che “abbiamo identificato correttamente la necessità che il mercato aveva, stiamo risolvendo un problema che è reale e non stiamo forzando una nostra idea. La prova sta nel fatto che la società Trion ha trovato interessato ad acquisirlo rapidamente”.

tecnologia innovativa

La tecnologia che utilizza questo dispositivo è chiamata “celle di carico”, che misura quanta pressione viene applicata alla frutta per un certo grado di compressione.

Il ricercatore ha evidenziato, tra i vantaggi del dispositivo, che è mobile, permettendo al produttore di prendere decisioni sul posto. “Questo funziona con una campionatura di frutti, e quello che si dovrebbe fare è incrociare questi dati con altre informazioni che l’azienda ha, per esempio, immagini da drone e mappe“.

“Nelle condizioni attuali nei frutteti -ha spiegato-, la persona va in campo, prende i frutti e li porta al laboratorio nell’imballaggio, e lì fanno l’analisi della fermezza del frutto, poi, purtroppo possono fare pochissimi campionamenti e il campione non è rappresentativo, e inoltre, gli strumenti che vengono trattati non sono progettati per i piccoli frutti, ma per quelli più grandi, come le mele. Di conseguenza, i risultati non sono affatto affidabili. C’era la consapevolezza del mercato che questo era un problema che doveva essere risolto”. Infine, ha descritto che “generiamo questo protocollo di campionamento, che ci permette di analizzare un campione in meno di cinque secondi, è molto veloce, il che significa che possiamo analizzare molti campioni sul campo, aumentando il grado di rappresentatività e fornendo un valore che è affidabile, perché con gli altri strumenti c’è un errore del 30%, ma con il nostro non supera l’1%”.

Fonte: Blueberries Consulting
Blueberries Consulting è parte del network globale di Italian Berry


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!