Quanto costano i mirtilli e come risparmiare

Come per gli altri prodotti nel reparto ortofrutta, il prezzo dei mirtilli dipende da vari fattori e può variare nel corso dell’anno, anche frequentemente, in funzione della disponibilità stagionale e di eventuali cali di disponibilità negli approvvigionamenti. Non sempre queste variazioni sono indicative per quanto riguarda la qualità, ma ci sono vari accorgimenti da mettere in pratica per risparmiare e godersi comunque dei mirtilli di ottima qualità.

Guardando solo alle cifre, il mirtillo ha un costo al kg tra i più alti del reparto, principalmente a causa dei suoi elevati costi di raccolta e confezionamento: i mirtilli infatti vengono raccolti quasi esclusivamente a mano, praticamente uno a uno per scegliere quelli maturi e lasciare invece sulle piante quelli troppo acerbi. Non spaventatevi però dei prezzi al chilogrammo: bastano poche decine di grammi per avere una piacevole esperienza e la dose giornaliera di mirtilli raccomandata dai nutrizionisti è 80 grammi.

In linea di massima non aspettatevi differenze di prezzo sostanziali tra i canali principali di distribuzione del mirtillo, come il supermercato, lo shop online oppure la bancarella del produttore. Invece potrebbero avere prezzi più alti i fruttivendoli e le bancarelle al mercato specialmente se si tratta delle solite confezioni da 125g che si trovano normalmente al supermercato. Il prezzo più elevato di questi canali dipende dal fatto che hanno vendite meno frequenti e quindi maggiori scarti, oppure che servono una clientela più interessata al servizio di prossimità che al prezzo, come nel caso di certi fruttivendoli nelle zone più ricche delle grandi città.

Per semplificare possiamo individuare quattro fasce di prezzo:

  • sotto ai € 10/kg: è un prezzo molto conveniente, fate scorta e riempite il frigorifero!
  • tra € 10 e € 15/kg: quando un cestino da 125g costa nel supermercato meno di Eur 1.89 compratelo pure perché si tratta di un buon prezzo standard per i mirtilli
  • tra € 15 e € 20/kg: se avete propria voglia di mirtilli concedetevi pure uno sfizio, con un cestino da 125g a € 2.49 siamo al limite ma si tratta ancora di prezzi accettabili: sono due porzioni e ognuna costa poco più di un caffè!
  • oltre ai 20/kg: acquistate solo se si tratta di qualcosa di speciale come un prodotto premium o biologico, ma se non offre niente di questo aspettate che i prezzi ritornino su livelli più ragionevoli.

Dove trovare i prezzi online dei mirtilli?

Italian Berry cura un osservatorio settimanale dei prezzi dei piccoli frutti venduti online in Italia, le cui rilevazioni possono essere consultate qui. Per i prezzi dei supermercati nelle principali città italiane si rimanda all’Osservatorio Piccoli Frutti curato da Myfruit che con cadenza settimanale visita i punti vendita della GDO italiana e alle analisi effettuate da Italian Berry.

Il prezzo dipende dalla qualità?

Per i mirtilli che si trovano al supermercato, il prezzo dipende dalla qualità? In altre parole, se acquisto mirtilli a un prezzo superiore, devo aspettarmi una qualità superiore?

Generalmente non c’è una relazione tra qualità e prezzo. Le variazioni nei valori dipendono principalmente da dinamiche di mercato su cui la qualità non ha nessuna influenza. Ad esempio ci può essere una scarsità di offerta per cui aumenta per il supermercato il prezzo di acquisto e quindi anche il prezzo di vendita allo scaffale. E questo non determinerà automaticamente una migliore qualità, anzi in queste situazioni c’è il rischio che il supermercato, pur di riempire gli scaffali, si adatti ad acquistare mirtilli che dal punto di vista qualitativo non sono completamente soddisfacenti. E quindi offrire a un prezzo più alto un prodotto di qualità più scadente.

C’è solo un caso in cui dovete aspettarvi una migliore qualità per un prezzo superiore: è quando il supermercato vi offre una linea “premium”, come ad esempio i mirtilli che Esselunga offre nella linea Primo Gusto. In questo caso il prezzo al kg corrisponderà a una qualità migliore, generalmente riferita alla dimensione delle bacche o al gusto superiore.

Attenzione però perché la differenza di prezzo può essere anche notevole: ad esempio nell’offerta di Esselunga del 20/02/2021 il mirtillo premium costava il 56% in più rispetto alla linea standard in promozione. Se non siete soddisfatti del prodotto premium che avete acquistato ricordatevi che avete il diritto di reclamare presso il servizio clienti, a meno che non abbiate già mangiato tutto! In quel caso, forse non eravate del tutto insoddisfatti.

Come risparmiare

Se siete consumatori attenti potete risparmiare nell’acquisto dei mirtilli, ecco come:

  • nei supermercati cercate le confezioni più grandi: il cestino da 125g è il meno conveniente mentre i formati più grandi (250g oppure i barattoli da 500g) possono avere prezzi al kg anche notevolmente inferiori. Non sempre nello stesso supermercato si trovano formati differenti, ma è probabile che altri supermercati abbiano formati differenti, abituatevi a controllare;
  • quando acquistate direttamente dal produttore contrattate pure: potete sicuramente spuntare un prezzo migliore se acquistate una quantità superiore, se vi accontentate di un mirtillo un po’ più piccolo del normale (non preoccupatevi, il gusto sarà lo stesso) oppure di frutti leggermente più morbidi e maturi;
  • scegliete con cura i supermercati, il prezzo può variare anche notevolmente per lo stesso mirtillo acquistato nello stesso giorno; spesso basta cambiare supermercato per risparmiare anche € 5/kg.
  • alcuni supermercati mettono in offerta i piccoli frutti nel tardo pomeriggio, applicando uno speciale bollino adesivo che indica lo sconto: se siete fortunati li potete comprare a metà prezzo.

Se siete consumatori attenti potete approfondire i tanti motivi per cui le confezioni da 125g sono un formato sbagliato per i mirtilli: oltre al costo ci sono altri svantaggi per il consumatore, scoprite quali sono.

Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 4 / 5. Numero voti: 2

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!