Aumentano i mirtilli in Alto Adige

Produzione

Secondo la Relazione agraria & forestale 2019 della Provincia Autonoma di Bolzano la produzione di piccoli frutti in Alto Adige si sviluppa su 163 ettari, rimanendo sostanzialmente invariata rispetto all’anno precedente. Rispetto al 2018 è invece aumentata la quota di produzione biologica rispetto al totale, passando dal 9,5% al 10,5%.

La coltivazione di mirtilli è aumentata passando da 9 ettari a 13 ettari. Sono rimaste invariate le superfici destinate agli altri piccoli frutti, escluso la fragola che è diminuita da 115 a 110 ettari .

Per la realizzazione di impianti di produzione di piccoli frutti e di drupacee in zone montane sono stati concessi contributi pari a 10.520,00 euro suddivisi tra un totale di 4 richiedenti che hanno, quindi, ricevuto un aiuto di 40 % delle spese sostenute per l’impianto.

Come negli ultimi anni, in Alto Adige circa 100 aziende agricole coltivano piccoli frutti principalmente come coltura secondaria. La produzione di fragole è pari a circa 1000 tonnellate e la stagione si estende da giugno a settembre. Da fine giugno a metà ottobre i produttori altoatesini producono circa 70 tonnellate di lamponi.

Le bacche altoatesine crescono principalmente in Val Venosta, in Val d’Isarco e in Val Pusteria. La Val Martello è nota per la coltivazione delle fragole. Ogni anno qui si celebra la Festa delle fragole. Ma anche in Val d’Ultimo, a San Genesio e sul Renon crescono fragole e lamponi.

Si tratta principalmente di colture che si sviluppano tra 800m e 1500m s.l.m., in ambienti che permettono un ridotto uso di pesticidi e l’adozione delle tecniche di coltura integrata.

Commercializzazione

La maggior parte della produzione di piccoli frutti realizzata in Alto Adige viene commercializzata tramite la Cooperativa dei produttori della Val Martello e tramite le aste di frutta dell’Egma di Vilpiano, prevalentemente nella zona settentrionale dell’Italia e in Germania, ma anche a livello regionale con la vendita al dettaglio.

Fa eccezione una grande azienda nella zona di Bressanone, con luoghi di produzione in Alta Val d’Isarco e in Pusteria, che rifornisce prevalentemente supermercati italiani e in parte anche supermercati esteri.

Freschezza e gusto sono i segreti dei piccoli frutti dell'Alto Adige -  Italia a Tavola

Stanno aumentando le aziende che vendono il proprio prodotto direttamente al consumatore tramite attività agrituristiche o mercati contadini. Ormai quasi tutti i mercati contadini offrono durante l’estate piccoli frutti freschi.

Fonte: Relazione agraria & forestale 2019 (Provincia Autonoma di Bolzano)

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 3 / 5. Numero voti: 2

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!