La produzione di mirtilli in Romania

Il mercato dei mirtilli highbush è uno dei mercati in via di sviluppo più dinamico al mondo. Il grande marketing di questi piccoli frutti, che dobbiamo alle loro proprietà salutari, influisce sul crescente consumo pro capite . L’Europa è il secondo importatore di questo frutto al mondo, dietro agli Stati Uniti, quindi sempre più paesi europei sono impegnati nella coltivazione dei mirtilli, e la Romania è uno di questi.

Molti coltivatori rumeni di mirtilli coltivano già oltre 200 ettari di terreno. Allo stesso tempo, continuano a investire in nuove piantagioni e tecnologie, come sistemi antigrandine e di irrigazione. Questi investimenti sono supportati da contributi del 50% (del valore dell’investimento) e sussidi governativi o dell’Unione Europea. Il successo in questa produzione incoraggia altri coltivatori a coltivare mirtilli highbush. 

La raccolta dei mirtilli in Romania inizia all’inizio di giugno, quindi prima che in Polonia, Germania e altri paesi europei centrali, e la fine della stagione arriva a settembre. Il costo del lavoro relativamente basso offre ai produttori rumeni un vantaggio competitivo rispetto ai loro vicini occidentali. Comporta anche una delle maggiori sfide che i coltivatori devono affrontare: la mancanza di forza lavoro stagionale.

Molte di queste aziende, per soddisfare le esigenze dei paesi dell’Europa occidentale, dove vogliono vendere i loro mirtilli, hanno dovuto investire in attrezzature per il confezionamento e l’imballaggioNella scelta della tecnologia completa e dell’assemblaggio dei dispositivi, abbiamo utilizzato l’offerta dell’azienda polacca Milbor PMC, che offre non solo macchine collaudate, ma fornisce anche un buon servizio internazionale – afferma Robert Kunz di Vital Berry. È stata acquistata una pesatrice da 12 canali con inverter (v. foto). Questa macchina ha un’ottima efficienza, in un minuto permette di preparare circa 140-150 confezioni con una capacità di 125 g o oltre 2 tonnellate di frutta in secchielli da 0,5 kg l’ora.

In Romania si sono inoltre avviati i gruppi di produttori che ci consentiranno di offrire maggiori quantità di merce omogenea. Un esempio di gruppo di produttori che già opera in Romania è Fruitopia, fondata nel 2018. Le varietà di “Duke” (la principale), “Elliott”, “Bluecrop” e “Aurora” sono coltivate nelle piantagioni dei membri del gruppo Fruitopia. La frutta viene confezionata in contenitori da 125, 250 grammi e 1 kg o confezionata in rinfusa in scatole di cartone con una capacità di 3 kg.

I limiti derivanti dalla mancanza di attrezzature che consentissero una preparazione rapida e adeguata della frutta per la vendita, con la domanda che cambia dinamicamente e il volume di produzione in crescita, hanno costretto il gruppo Fruitopia a investire in macchine che permettessero il corretto confezionamento della frutta. 

Tali soluzioni ci sono state offerte da Milbor PMC. È una linea completa di smistamento e confezionamento che permette di preparare dai 500 ai 1500 kg di frutta l’ora. La linea di cernita è composta da selezionatrici per pezzatura e durezza che permettono di scartare frutta sottodimensionata ma anche danneggiata e morbida, riferisce Andreea Sava di Fruitopia.

Gli investimenti in soluzioni per automatizzare il processo di preparazione della frutta sono necessari per adattarsi alle nuove tendenze del mercato e alle abitudini di consumo. I produttori stanno ancora stabilendo nuove piantagioni che porteranno a raccolti ancora maggiori in futuro. Le macchine professionali per la preparazione della frutta per la vendita aiutano a mantenere la qualità appropriata, nonché a selezionare e confezionare quantità crescenti di prodotto. 

Grazie al sostegno del governo e ai sussidi dell’UE, le aziende possono investire i fondi raccolti nella coltivazione dei mirtilli, indipendentemente dal fatto che si tratti di un modo innovativo di coltivazione o dell’implementazione di tecnologie necessarie nelle varie fasi di produzione e preparazione della frutta per la vendita. Le macchine hanno un grande impatto sui fattori di costo. Soprattutto al giorno d’oggi, quando i produttori lottano con una carenza di manodopera. Avere macchine per la frutta professionali si traduce in minori costi di manodopera e, soprattutto, maggiore efficienza. 

Una migliore qualità dei prodotti consegnati riduce il numero di reclami da parte di consumatori e clienti, nonché i costi operativi. Dato che la produzione di mirtilli in Romania sta crescendo in modo dinamico e sistematico, ci si può aspettare che le macchine per la selezione e il confezionamento della frutta diventeranno una parte importante di molte aziende agricole di mirtilli.

Fonte: Jagodnik
Jagodnik è parte del network globale di Italian Berry

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 1 / 5. Numero voti: 1

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!