Cile: partite le prime navi della stagione 2020/21

Questo è il primo “Crop Report” della stagione 2020-21 del Comitato Cileno del Mirtillo, Il report inizia questa stagione tre settimane prima del solito, rispondendo alla necessità di monitorare le produzioni precoci, sia perché provengono da colture protette che stimolano una maturazione precoce, sia perché corrispondono a nuove varietà molto precoci.

Esportazioni settimanali di mirtillo dal Cile nell’ultimo biennio

Varietà

La stagione cilena del raccolto di mirtilli presenta una lunga fase di avvio che quest’anno è iniziata nella settimana 30 con 1 tonnellata proveniente dalla quarta regione, ma che ha mantenuto il suo grande volume di esportazioni tra la metà di novembre e la metà di febbraio.

Fino alla settimana 38 di quest’anno, il Cile ha spedito 179 tonnellate di mirtilli freschi, principalmente dalla regione di Coquimbo (72%) e secondariamente dalla regione di Valparaíso (24%). Le principali varietà in raccolta sono EB 9-2 e Jewell, ognuna con più del 18% di quota del volume cumulato. Seguono Ventura e Emerald con oltre il 13% di partecipazione, altre varietà in raccolta includono Aurora; Farthing; First Blue e Rocio, che contribuiscono timidamente con pochi volumi all’esportazione.

In totale, ci sono 19 varietà in raccolta che sono state registrate nelle spedizioni fino alla scorsa settimana e questo è indicativo del cambiamento varietale che sta avvenendo nell’industria cilena del mirtillo.

Esportazioni settimanali di mirtillo cileno per destinazione

Mercati

In termini di mercati, le prime spedizioni sono state dirette principalmente al mercato dell’Estremo Oriente che ha ricevuto il 54% delle 179 tonnellate spedite tra le settimane 30 e 38. Al secondo posto si trova il Nord America con il 44%, la percentuale rimanente è suddivisa tra Europa e Medio Oriente.

Esportazioni settimanali di mirtillo cileno dirette in Europa continentale nelle stagioni 2018/19 e 2019/20

La nuova stima delle esportazioni per la stagione in corso è di 111.500 tonnellate, una cifra simile a quella del 2019-20 e superiore del 2% rispetto alla stagione precedente. Anche se in termini di volume non ci sono variazioni significative, la quota per varietà sta cambiando.

Come si può vedere nei primi dati di esportazione, le nuove varietà stanno avanzando a ritmo costante, mentre le vecchie varietà stanno diminuendo il loro contributo, soprattutto quelle che hanno perso attrattiva di fronte a quelle di migliore qualità.

Un altro aspetto positivo di questa stagione è la maggiore disponibilità di acqua nelle regioni V, Metropolitan e VI. Le maggiori piogge invernali e la neve accumulatasi nella catena montuosa, hanno dato fiato ai produttori colpiti l’anno scorso a causa della siccità e si prevede un migliore riempimento di frutta di conseguenza in questa stagione.


Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!