Cina: investimenti australiani per 330 ettari di mirtilli

Costa Group Holdings Limited, un’azienda ortofrutticola australiana, e la città di Baoshan nella provincia dello Yunnan, nella Cina sud-occidentale, hanno deciso di sviluppare congiuntamente un progetto di produzione di mirtilli nella provincia.

Con un investimento di circa 500 milioni di yuan (circa 71 milioni di dollari), entro tre anni saranno piantati 333 ettari di mirtilli nella città di Pupiao del distretto di Longyang a Baoshan.

Secondo xinhuanet.com, il valore di produzione annuale del progetto dovrebbe raggiungere i 500 milioni di yuan al suo completamento, e il progetto contribuirà a promuovere ulteriormente la scala, il branding e l’ecologia dell’agricoltura locale, secondo l’ufficio di promozione degli investimenti di Baoshan.

In qualità di produttore, trasformatore e distributore di frutta e verdura, l’azienda australiana ha creato due filiali nello Yunnan per espandere il proprio business nel mercato cinese.

L’accordo di cooperazione è stato firmato attraverso una videoconferenza a causa della nuova epidemia di coronavirus in corso.

Situata nello Yunnan occidentale, Baoshan ha migliorato negli ultimi anni il suo ambiente commerciale per attirare investitori stranieri.

Costa ha una presenza internazionale che si estende in diversi continenti.

In Marocco, la joint venture African Blue è stata costituita nel 2007 tra Costa e Total Berry (UK). Alla fine del 2019, c’erano oltre 400 ettari di piantagioni di mirtilli di African Blue. African Blue fornisce mirtilli a diversi mercati internazionali, tra cui il Regno Unito e l’Europa continentale.

Costa China è una joint venture costituita nel 2016 tra Costa e Driscoll’s Strawberry Associates US. Alla fine del 2019, c’erano oltre 175 ettari di piantagioni di bacche (mirtilli, lamponi e more). Le bacche coltivate in Cina vengono fornite al mercato cinese con il marchio Driscoll’s.

Le varietà Costa sono diffuse in tutto il mondo, e sono concesse in licenza a coltivatori terzi in diverse regioni tra cui le Americhe, il Marocco, la Cina e il Sudafrica.

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!