I piccoli frutti oltre i 21M € di fatturato in Trentino

Il settore dei piccoli frutti rappresenta per il Trentino un fatturato di oltre 21 milioni di euro secondo l’ISPAT, Istituto di Statistica della Provincia di Trento, che monitora l’andamento annuale della Produzione Lorda Vendibile riferita ai piccoli frutti.

Nell’ultimo decennio la produzione in questo settore ha avuto, in termini quantitativi, oscillazioni relative. Come metro di paragone riportiamo qui alcuni dati relativi al settore per l’anno 2016 (fonte ISPAT).

La fragola è al primo posto fra i piccoli frutti, per produzione e superfici
dedicate, seguita da mirtillo e lampone. I dati relativi al 2018, ancora
in parte provvisori, lasciano emergere un aumento della superficie dedicata
che supera i 400 ettari.

2016produzione
(q.li)
€/q.lePLV €Superficie
(ettari)
Fragole43.400290,0012.586.000117
Lampone5.800491,002.847.80055
Ribes nero e comune2.830380,001.075.40034
Mirtillo6.530495,003.232.35090
More3.910406.001.587.46035
Uva spina30304,009.1201
Totale62.500341,4121.338.130332

Secondo Moreno Fedrigoni, consigliere CIA-Agricoltori Italiani del Trentino, “anche in Trentino abbiamo strutture che stanno investendo molto in questo settore come Sant’Orsola ed il suo nuovo impianto produttivo, così come Aurora Fruit e Melinda con La Trentina. Non dimentichiamo poi che anche SFT ed il Cio fanno la loro parte. Abbiamo infine anche diverse aziende che hanno scelto di procedere con percorsi diversi valorizzando la loro produzione nella vendita diretta.”

La coltivazione di piccoli frutti, che una volta era definita come coltura minore, non è più una comparsa, ma riveste ormai un ruolo da protagonista nello scenario trentino.

Moreno Fedrigoni, CIA

Fonte: AT – Agricoltura Trentina 07/2019

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!