15 apr 2023

Polonia: Stanislaw Pluta ospite a Macfrut traccia il quadro di consumo e produzione del mirtillo

236

Crescita di superfici e produzione, tanto da farne il secondo in Europa, aumento della domanda interna e dell’export, ma anche criticità per l’incremento dei costi e la competitività di altri Paesi. È questa la fotografia del mirtillo in Polonia scattata da Stanislaw Pluta dell'Istituto Nazionale di Ricerca Orticola (InHort) di Skierniewice. Il docente polacco prenderà parte a Macfrut all’International Blueberry Days (Rimini Expo Centre 3-5 maggio), l’evento mondiale insieme ai massimi esperti tecnico scientifici, i global player e gli opinion leader del mirtillo.

Polonia: superfici e produzione

“Nel 2022 la superficie totale delle piantagioni commerciali di mirtillo  (Vaccinium corymbosum L.) è stata di 11.900 ettari, con un aumento dell'8,4% rispetto al 2021 – spiega Stanislaw Pluta – Nel 2022 la produzione totale è stata stimata in 64.000 tonnellate: 60.000 tonn. di produzione di frutta fresca convenzionale, di cui 2.000 tonn. di produzione biologica, e 4.000 tonn. di frutta per la trasformazione e il congelamento. Con questa produzione di mirtilli, la Polonia occupa attualmente il secondo posto in Europa, dopo la Spagna, e l'ottavo posto a livello mondiale. La produzione di mirtilli sotto copertura (serra e capannoni) si è sviluppata costantemente, ma è ancora relativamente ridotta”.

Pluta traccia un quadro generale sulla tipologia dell’aziende polacche. “Il mirtillo Highbush (solo il tipo nordico) viene coltivato commercialmente in Polonia da oltre 45 anni; ma in particolare l'ultimo decennio è stato senza precedenti in termini di aumento della superficie coltivata e della produzione. I produttori polacchi di mirtilli sono fortemente frammentati, con aziende agricole di dimensioni inferiori a 5 ettari che costituiscono circa i due terzi di tutte le aziende agricole.

Tuttavia, le aziende più grandi (oltre 50 ha) rappresentano circa il 30% della superficie totale coltivata. La più grande piantagione è di oltre 600 ettari. Attualmente oltre 100 coltivatori/produttori polacchi di mirtilli appartengono alla Blueberry Grower's Association (SPBA). La produzione di mirtilli è concentrata principalmente in 3 regioni (Mazovia, Lodzkie e Lubelskie) nella Polonia centrale e sud-orientale, che rappresentano oltre il 55% della superficie totale coltivata e oltre il 64% di questa produzione di frutta”.

Il docente dell'Istituto Nazionale di Ricerca Orticola di Skierniewice entra poi nel merito delle varietà produttive. “Le principali cultivar di mirtillo sono tuttora ‘Duke' e ‘Bluecrop, ben note e coltivate in altri paesi europei, anche ‘Spartan', ‘Patriot', ‘Nelson', ‘Brigitta', ‘Chandler', ‘Bluegold', ‘Toro ‘ e ‘Elliot', così come quelle più recenti: ‘Draper', Liberty' e ‘Aurora'. Per quanto riguarda i nuovi impianti, stanno guadagnando popolarità nuove cultivar come ‘Last Call’, ‘Megas Blue’, ‘Valor’, ‘Cargo’ e ‘Calypso’. Molte piantagioni sperimentali di queste nuove cultivar sono state messe in atto per verificarne l'adattamento e l'idoneità al clima polacco, compresa la resistenza invernale. L'inverno rigido (gelido) e nevoso del 2020/2021 e gli inverni miti del 2021/2022 e 2022/2023 hanno già consentito ai coltivatori di ottenere alcune informazioni preziose, ma una valutazione completa e conclusioni richiederanno più tempo”.

Non mancano le criticità per la produzione in Polonia. “Tra la fine del 2021 e l'inizio del 2022 i coltivatori hanno dovuto affrontare un aumento senza precedenti dei costi di molti materiali di produzione, inclusi, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, fertilizzanti, prodotti fitosanitari e imballaggi. A questo poi si aggiunge l'impatto della guerra in Ucraina sulla disponibilità di manodopera per i coltivatori polacchi”.

Ogni polacco consuma 1 kg di mirtilli. “La domanda interna di mirtilli è aumentata notevolmente negli ultimi 3-4 anni. Ciò può essere attribuito alla campagna promozionale Time for Polish Superfruit, condotta congiuntamente da coltivatori di vari piccoli frutti. All'inizio della pandemia, nella primavera del 2020, abbiamo osservato un aumento del consumo di mirtilli importati, ma nel 2021 i modelli di consumo sono tornati alla normalità. Nel 2021-2022 il consumo pro capite annuo ha superato 1 kg di mirtilli”.

Prospettive per il futuro. “Le principali sfide che i coltivatori polacchi devono affrontare vedono l'aumento dei costi, la necessità di aumentare la qualità della frutta e il consolidamento della produzione. Se la Polonia vuole rimanere competitiva sul mercato globale dei mirtilli, è necessario migliorare i parametri qualitativi della frutta come compattezza, croccantezza e conservabilità. Ciò può essere ottenuto principalmente attraverso l'introduzione di nuove cultivar, ma anche moderne tecnologie di produzione”.  

Stanislaw Pluta prenderà parte con una relazione al Simposio Internazionale del Mirtillo, nella prima giornata di Macfrut, nell’ambito dell’International Blueberry Days, evento organizzato da Macfrut con il coordinamento del Professor Bruno Mezzetti dell’Università Politecnica delle Marche insieme a Thomas Drahorad di NCX Drahorad.

Macfrut, fiera internazionale dell’ortofrutta si svolgerà al Rimini Expo Centre dal 3 al 5 maggio 2023.


Potrebbe interessarti anche