02 feb 2023

Dal Perù un nuovo packaging dagli scarti dei mirtilli

131

I ricercatori utilizzeranno gli scarti dei mirtilli per produrre nuovi imballaggi per l'esportazione.

Per ridurre le perdite nelle esportazioni di mirtilli, un gruppo di ricercatori dell'Universidad Privada del Norte (UPN) svilupperà nanoparticelle metalliche biosintetizzate da scarti agroindustriali che, combinate con bioplastiche, saranno convertite in imballaggi antimicrobici per l'esportazione, in modo da mantenere i frutti più sani più a lungo.

Il dottor David Angel Asmat Campos, professore di ricerca dell'UPN e responsabile tecnico del progetto, ha dichiarato ad Agencia Andina che, a causa dell'agro-esportazione e del lungo viaggio che i prodotti devono compiere (che può durare fino a 60 giorni), le bacche e gli altri frutti finiscono per essere scartati.

  • “Una delle aziende che collaborano al nostro progetto, AGROVISION PERU, ci dice che quando i mirtilli surgelati vengono esportati, si genera una perdita tra l'1,5% e il 3% della massa totale. Se lo consideriamo in termini di quantità o di tonnellate, rappresenta una perdita di denaro piuttosto significativa”, afferma Asmat.

Inoltre, a causa della cattiva conservazione, possono verificarsi cambiamenti indesiderati nella consistenza del mirtillo e possono svilupparsi microrganismi che accelerano il deterioramento delle bacche, le cui esportazioni nazionali hanno totalizzato circa 1.372.765.231 dollari nel 2022, segnando una crescita del 25% rispetto al risultato del 2021.

Così, utilizzando un modello di economia circolare, il gruppo di esperti propone di sfruttare gli scarti agroindustriali e di utilizzarli per produrre nanoparticelle metalliche biosintetizzate.

Macchina che divide e seleziona i mirtilli per la produzione.

Nel caso dei mirtilli, ad esempio, si registra un elevato tasso di perdita mensile nella loro produzione, come nel caso di altri prodotti alimentari. Ma questi rifiuti hanno un grande potenziale per essere utilizzati per estrarre composti bioattivi, dai quali è possibile sintetizzare o produrre nanoparticelle di metallo (o ossidi di metallo).

Queste nanoparticelle possono poi essere incorporate nelle bioplastiche per svolgere due funzioni: impedire la disidratazione del prodotto e, di conseguenza, la generazione di microrganismi interni che rovinano la frutta. Queste plastiche sarebbero addirittura biodegradabili, con l'obiettivo di proteggere l'ambiente.

dagli scarti dei mirtilli alle nanoparticelle

Per avviare il processo, i ricercatori studieranno il profilo dei composti bioattivi negli scarti di asparagi e mirtilli. In questo modo si otterrà un agente riducente che genererà una reazione chimica a contatto con il sale metallico per sviluppare infine le nanoparticelle.

  • “Questo metodo di produzione delle nanoparticelle è noto come sintesi biogenica o sintesi verde”, spiega Asmat.

Esistono due metodi per la produzione di nanoparticelle: la via chimica, che presenta degli svantaggi a causa dell'inquinamento ambientale che genera e dei costi elevati. L'UPN ha invece optato per la via verde, riducendo i costi di produzione e l'impatto ambientale del 73% e riutilizzando gli scarti agroindustriali.

Dopo diversi studi, i ricercatori si assicureranno che le nanoparticelle siano sferiche abbiano proprietà antimicrobiche e antimicotiche e fungano da barriera fisica per prevenire il deterioramento nel processo di disidratazione.

David Angel Asmat Campos, professore di ricerca dell'UPN.
David Angel Asmat Campos, professore di ricerca dell'UPN.
  • “Con l'attrezzatura produrremo tre tipi di nanoparticelle: argento, ossido di zinco e biossido di silicio, che saranno impregnate in queste bioplastiche e, infine, queste bioplastiche saranno testate come imballaggi per l'esportazione”.

Va notato che questo tipo di progetto viene realizzato per la prima volta in Perù e potrebbe essere applicato ad altri prodotti da esportazione, non solo ai mirtilli. Il progetto è iniziato nel dicembre 2022 e durerà 18 mesi, per il quale Concytec, attraverso ProCiencia, ha concesso un finanziamento di S/ 500.000 soles.

Oltre ad Asmat, partecipano la dott.ssa Meliza Rojas Silva e il dott. Alberto Miano Pastor, del Centro di Ricerca Avanzata in Agroingegneria (CIAA) del Campus UPN Trujillo, insieme al consorzio formato dall'azienda agroindustriale AGROVISION PERU, dal Governo Regionale di La Libertad, attraverso il Centro Regionale di Pianificazione Strategica (CERPLAN), dall'Università Nazionale Autonoma di Chota (UNACH) e dal Laboratorio Nazionale di Nanotecnologia (LANOTEC – CeNAT) del Costa Rica.

Fonte: myblueproject

Foto: Food Innovation Asia


Potrebbe interessarti anche