28 ott 2023

Passato, presente e futuro del mirtillo in Portogallo: conversazione con Pedro Bras de Oliveira

464

I mirtilli hanno rapidamente guadagnato popolarità in Portogallo. In un'illuminante discussione con Pedro Bras de Oliveira dell'Instituto Nacional de Investigação Agrária e Veterinária, durante il 12° Incontro Nazionale dei Produttori di Mirtillo, intraprendiamo un viaggio nel passato, approfondiamo le sfide del presente e ipotizziamo il futuro dei mirtilli in questa splendida nazione.

Il passato: la nascita di una nuova filiera  

Pedro Bras de Oliveira ci riporta indietro nel tempo, quando i mirtilli erano una rarità in Portogallo. La superficie del Paese dedicata alla coltivazione dei mirtilli era minima e il settore era praticamente inesistente. Tuttavia, il Portogallo era determinato a cambiare le cose. 

Nel 1985 sono stati creati i primi campi varietali a Quinta de Lamaçais e Quinta do Brejo, con oltre dieci cultivar di mirtillo. Queste prove, tuttavia, non sono state documentate in modo approfondito. Nel 1994 è stato compiuto un passo importante: nella tenuta sperimentale di Fataca Odemira sono stati impiantati i primi campi di prova di tutti i tipi di mirtillo, tra cui Northern Highbush, Southern Highbush e Rabbiteye. 

Nel 2004, i primi risultati delle prove di produzione di mirtilli in coltura protetta sono stati presentati al II Simposio nazionale sulla produzione di fragole e altri piccoli frutti. Nel 2011 sono iniziate le prove di coltivazione del mirtillo in substrato, abbinate a tecnologie innovative per la manipolazione del ciclo produttivo mediante camere frigorifere. 

Nel corso di un decennio si è verificata una notevole trasformazione. È iniziata con la coltivazione di mirtilli Highbush settentrionali, per poi passare alle varietà Highbush meridionali. L'evoluzione è proseguita con l'introduzione dei tunnel protettivi e, infine, con l'adozione di metodi di coltivazione basati sul substrato. Questo rapido sviluppo ha dimostrato la capacità di adattamento e la determinazione del settore.

Il presente: sfide e opportunità 

Se andiamo avanti fino al presente, incontriamo nuove sfide e opportunità. Pedro Bras de Oliveira sottolinea l'importanza delle varietà di mirtillo nel contesto odierno. La continua evoluzione delle preferenze dei consumatori e la richiesta di un gusto e di una qualità migliori impongono di concentrarsi su cultivar di mirtillo innovative.  

Esportare più mirtilli è un altro elemento chiave del presente. Sebbene possa sembrare che il Portogallo stia esportando meno del previsto, è importante esaminare i dati più da vicino. Le statistiche potrebbero non riflettere accuratamente il consumo effettivo di mirtilli nel Paese. Ciò rappresenta un'opportunità per esplorare i mercati internazionali ed espandere la portata del settore

Tuttavia, ci sono sfide da affrontare nel presente. La produttività rimane un'area di preoccupazione, con una produttività media nazionale di appena 7,5, in ritardo rispetto ai livelli desiderati. Le varietà di mirtillo più vecchie nel nord del Portogallo devono essere sostituite con altre più nuove e produttive. Inoltre, è necessario prestare attenzione a questioni tecniche, come l'irrigazione e la concimazione inadeguate. 

Pedro Bras de Oliveira sottolinea l'urgente necessità del settore di ricollegare e rivitalizzare i frutteti esistenti. Le cultivar attualmente piantate in Portogallo sono obsolete e il miglioramento genetico ha portato a nuove varietà di mirtillo più produttive e resistenti. Grazie all'aumento della produttività, alle dimensioni dei frutti, alla maggiore produzione e alla migliore qualità dei frutti, il settore è pronto per un cambiamento positivo.

Il futuro: abbracciare il cambiamento

Se guardiamo al futuro dell'industria portoghese del mirtillo, è chiaro che l'adattamento e l'innovazione sono fondamentali. La sfida principale all'orizzonte è la genetica. L'industria deve tenere il passo con l'evoluzione delle preferenze dei consumatori e delle richieste del mercato, il che richiede continui investimenti nello sviluppo di nuove varietà di mirtillo. 

Inoltre, il mercato europeo dei mirtilli ha registrato una rapida crescita, passando da un miliardo di euro a oltre due miliardi di euro in soli cinque anni. Questa espansione è in parte attribuita alle significative importazioni da Paesi extraeuropei, in particolare Cile, Perù e Marocco. 

Nonostante le sfide poste dall'afflusso di mirtilli importati, dal 2016 i prezzi medi dei mirtilli sul mercato europeo si sono ridotti. Questo, a sua volta, ha permesso ai rivenditori di offrire prezzi e promozioni più interessanti, rendendo i mirtilli più accessibili ai consumatori. Poiché le preferenze dei consumatori diventano sempre più esigenti, la domanda di mirtilli di qualità superiore è in aumento. 

In conclusione, l'industria portoghese dei mirtilli si trova in una fase cruciale della sua evoluzione, caratterizzata da una ricca storia, un presente impegnativo e un futuro promettente. La strada da percorrere non è priva di ostacoli, ma l'impegno per l'innovazione e l'adattamento promette un viaggio fruttuoso. I mirtilli, un tempo una rarità, sono ora pronti a svolgere un ruolo significativo nel paesaggio agricolo del Paese, offrendo un futuro dolce e nutriente al Portogallo.

Scarica la presentazione di Pedro Bras de Oliveira


Italian Berry - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche