Le camere iperbariche RipeLocker rivoluzionano trasporto e shelf-life dei mirtilli

Quando una nuova tecnologia come RipeLocker si affaccia sul mercato del nostro settore, la domanda che ci si pone è: si tratta di un’aggiunta ai costi del nostro conto economico e qual è esattamente il ROI? È giusto, molto giusto, soprattutto in un momento in cui l’inflazione è una preoccupazione costante e i costi di gestione sembrano aumentare. Che si tratti di tecnologie che migliorano la catena del freddo, che hanno un impatto sull’efficienza del raccolto, sull’irrigazione, sulla durata degli scaffali o su una qualsiasi delle tante innovazioni che si verificano sul lato dell’offerta, questa preoccupazione è un punto fermo nei periodi di instabilità economica.

George Lobisser, cofondatore e amministratore delegato di RipeLocker

RipeLocker può prolungare di settimane, e spesso di mesi, la vita post-raccolta di un raccolto. Non solo, ma a più lungo termine, la tecnologia può persino estendere una stagione ben oltre quelle tradizionali dei concorrenti, dando loro un vantaggio sulla domanda e sulla disponibilità”, mi ha detto George Lobisser, cofondatore e amministratore delegato dell’azienda, durante una telefonata mattutina dal suo ufficio di Bainbridge Island, Washington. “Questo significa che coltivatori, confezionatori ed esportatori riducono gli scarti e i consumatori beneficiano di un gusto migliore, di una durata di conservazione più lunga e di una disponibilità stagionale”.

I benefici di RipeLocker sui risultati economici

Inoltre, le camere ipobariche per la conservazione e il trasporto possono aiutare i coltivatori e i confezionatori a realizzare margini migliori nei mercati esteri, come quello asiatico.

I contenitori RipeLocker

Parte della tecnologia che consente di raggiungere questi obiettivi è la capacità dei RipeLocker di creare ambienti con un livello di O2 più basso e un livello di CO2 più alto rispetto ai contenitori non sottovuoto, per rallentare la respirazione ed evitare che i prodotti deperibili diventino anaerobici.

Guardate questa spedizione di mirtilli che abbiamo seguito qualche anno fa. I mirtilli biologici sono stati raccolti il 19 maggio di quell’anno e caricati nei RipeLocker in Messico. I RipeLocker sono stati portati al porto di Los Angeles il 30 maggio e caricati su una nave. I RipeLocker hanno viaggiato per 63 giorni in un container intermodale refrigerato e sono stati aperti il 30 luglio a Hong Kong. La frutta è rimasta sotto vuoto per un totale di 71 giorni“, racconta George. “Il sapore, la consistenza, tutto era ancora presente”.

I risultati di un test su un trasporto intermodale durato 71 giorni

I RipeLocker sopprimono il decadimento, come mostrato in questo campione di controllo rispetto ai RipeLocker – I mirtilli organici sono stati raccolti il 19.05.19 e caricati nei RipeLocker in Messico, portati al porto di Los Angeles e caricati su una nave, dove hanno viaggiato per 63 giorni in un container intermodale refrigerato e sono stati aperti il 30.07.19 a Hong Kong.

Come si inseriscono questi armadietti, letteralmente, nei programmi esistenti? I RipeLocker sono impilabili e spostabili con un carrello elevatore, con 40 unità che possono essere inserite in un reefer/camion. Si spostano facilmente attraverso le catene logistiche, ad esempio da un magazzino a un camion a una nave.

“Il bello è che sfruttano la catena del freddo esistente (non c’è refrigerazione nelle unità) e non è necessaria un’umidificazione supplementare. Sappiamo che coltivatori e confezionatori sono alla ricerca di soluzioni più efficienti dal punto di vista dei costi e questo programma è scalabile e prodotto in serie in volumi elevati”, spiega George.

RipeLocker
I RipeLocker sono impilabili e spostabili con un carrello elevatore, con 40 unità che possono essere inserite in un reefer/camion.

Inoltre, i dati vengono raccolti e analizzati in tempo reale per prevedere e avvisare i clienti di eventuali cambiamenti nello stato di salute dei prodotti deperibili conservati all’interno, per evitare potenzialmente la perdita totale. Questo tipo di sistema dinamico permette all’ambiente interno di rimanere automaticamente nei limiti, anche con i cambiamenti dell’atmosfera circostante.

Fonte: Andnowuknow


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!