Perù, un altro anno di forte crescita per le esportazioni di mirtilli

L’associazione dei coltivatori ed esportatori di mirtilli peruviani prevede che le esportazioni supereranno le 250.000 tonnellate entro la fine della stagione 2022/23

L’attuale stagione dei mirtilli peruviani è iniziata alla grande, ma l’associazione di settore Proarandanos prevede che i record di esportazione torneranno a salire. L’associazione dei coltivatori ed esportatori di mirtilli peruviani ha dichiarato che dall’inizio della stagione, a maggio, fino alla fine di luglio sono state esportate più di 10.000 tonnellate, superando l’inizio della scorsa stagione.

Perù, obiettivo 250.000 tonnellate

Luis Miguel Vegas, direttore di Proarandanos, ha dichiarato che se questa tendenza dovesse confermarsi per tutta la stagione 2022/23, l’industria batterebbe il record di esportazioni per la seconda stagione consecutiva. “Se la campagna continuerà in questo modo, stimiamo di superare le 250.000 tonnellate alla fine della stessa”, ha detto Vegas.

“Questo rappresenterebbe una crescita di oltre il 25% rispetto alla scorsa stagione. Stimiamo inoltre che il 90% sarà esportato tra agosto e dicembre e il 50% tra settembre e ottobre”.

Luis Miguel Vegas Arias-Stella è direttore generale di ProArandanos Perù
Luis Miguel Vegas Arias-Stella è direttore generale di ProArandanos (Perù)

Nei primi tre mesi della stagione 2022/23, la Cina è stata la principale destinazione delle esportazioni con 3.906 tonnellate, pari al 37% delle esportazioni. Seguono gli Stati Uniti con il 34% delle esportazioni, con 3.649 tonnellate, e l’Europa (escluso il Regno Unito) con il 13%, con 1.394 tonnellate.

L’industria dei mirtilli ha un impatto significativo sulla generazione di occupazione. Nella campagna 2021/22 ha creato 120.000 posti di lavoro diretti nelle aree rurali e si prevede che questa campagna genererà altri posti di lavoro. Inoltre, si tratta di un settore inclusivo in cui il 52% della forza lavoro è costituita da donne tra i 26 e i 30 anni”, ha dichiarato Vegas.

L’accesso a nuovi mercati è stato un motore di crescita per l’industria peruviana dei mirtilli. Negli ultimi anni ha ottenuto l’accesso a Taiwan (2020). India e Malesia (2021) e Israele (2022). Attualmente, il Perù è in procinto di accedere ad altri mercati come Indonesia, Corea del Sud, Vietnam, Giappone, Nuova Zelanda ed Ecuador.

Nonostante questi progressi, il settore deve ancora affrontare sfide logistiche e l’aumento dei costi di spedizione e degli input agricoli.

Fonte: Fruitnet
Fruitnet è parte del network di NCX Media

NCX Media network

Image by wirestock on Freepik


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!