E’ toscano il primo panettone con i frutti di bosco al posto dei canditi

Il primo panettone contadino è Made in Tuscany ed è stato scelto da Campagna Amica, la rete della filiera corta di Coldiretti, come simbolo della biodiversità del territorio toscano. Lo produce Fabio Bizzarri dell’azienda agricola bio “Il sottobosco” di Cireglio (Pistoia). È lavorato con metodo tradizionale e cotto nel forno a legna usando esclusivamente ingredienti di aziende agricole del Pistoiese.

Fabio Bizzarri è uno degli agricoltori custodi che hanno contribuito a recuperare, valorizzare e fare conoscere ai consumatori i “sigilli di Campagna Amica”, ovvero i prodotti della biodiversità agricola che nel corso dei decenni sono stati strappati all’estinzione o indissolubilmente legati a territori specifici. In questo caso presentando una novità come il primo “panettone contadino” a Km 0.

Il panettone del Sottobosco – spiega Bizzarri, che si è specializzato anche nella panificazione – è fatto con burro di allevamenti della montagna e farina delle colline del Montalbano pistoiese, e poi ha altre peculiarità: usiamo lievito madre al sacco, quindi non in polvere, che viene lasciato lievitare per 24 ore ed è cotto in forno a legna. Tutti gli ingredienti sono agricoli e provengono da aziende del territorio. Al posto dei canditi ci sono i nostri frutti di bosco”.

sigilli campagna amica_01

Se è importante recuperare le varietà agricole tradizionali e salvarle dall’estinzione, altrettanto importante è farle conoscere. In Italia nel secolo scorso – sottolinea la Coldiretti – si contavano 8.000 varietà di frutta, mentre oggi si arriva a poco meno di 2.000 e di queste ben 1.500 sono considerate a rischio di scomparsa, ma la perdita di biodiversità riguarda l’intero sistema agricolo, dagli ortaggi ai cereali, dagli ulivi fino ai vigneti.

Fonte: Toscanachiantiambiente


Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 2 / 5. Numero voti: 1

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!