11 nuove varietà di mirtilli per la Nuova Zelanda

I produttori di mirtilli in Nuova Zelanda hanno avuto accesso a nuove varietà con “frutti grandi e gustosi”, ideali per l’esportazione oltreoceano. Delle 11 nuove varietà di mirtillo che Plant and Food Research ha reso disponibili, tre provengono dal programma di selezione dell’organizzazione e otto sono state concesse in licenza da Fall Creek Farm and Nursery negli Stati Uniti.

Inoltre, tre varietà sono Southern Highbush, sette sono Northern Highbush e una è Rabbiteye. Le varietà producono frutti grandi e di buon sapore, con una gamma di stagionalità in tutta la collezione. Tutte hanno mostrato una buona adattabilità alle condizioni neozelandesi nelle prove effettuate finora.

“Queste nuove varietà offrono un’opportunità significativa ai coltivatori neozelandesi di migliorare la loro produzione di mirtilli e di offrire nuovi e gustosi mirtilli ai consumatori in patria e all’estero”, ha detto Gavin Ross, direttore generale del gruppo marketing e innovazione per Plant and Food Research.

Le nuove varietà producono bacche gustose con un elevato appeal sul consumatore e crescono bene nelle condizioni della Nuova Zelanda”. “Speriamo che l’aggiunta di queste nuove varietà alla gamma di piante disponibili per i coltivatori aiuti ad espandere il settore dei mirtilli e ad aumentare le opportunità di esportazione nel prossimo decennio”, ha aggiunto.

I coltivatori sono stati invitati a richiedere una licenza non esclusiva per coltivare e far crescere le varietà in Nuova Zelanda e per la commercializzazione e la vendita in tutto il mondo. I coltivatori che sottoscriveranno un accordo di licenza potranno effettuare ordini presso i vivai autorizzati. Plant and Food Research ha detto che otterrà pagamenti di royalty dall’accordo di licenza, che saranno utilizzati per ulteriori ricerche a beneficio delle industrie agroalimentari della Nuova Zelanda.

La Nuova Zelanda produce attualmente 3.000 tonnellate di mirtilli su 640 ettari, con esportazioni valutate in 39 milioni di dollari neozelandesi.

Fonte: Fruitnet


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!