Salvador, il nuovo mirtillo per i climi caldi di Inka’s Berries e UGA

Nel 2012, l’azienda peruviana Inka’s Berries e l’Università della Georgia (UGA) hanno firmato un accordo per sviluppare nuove varietà di mirtillo con standard di livello mondiale. Nell’ambito di questa collaborazione scientifica, è nato Salvador, una selezione che fornisce mirtilli di alta qualità, anche durante i mesi di ottobre, novembre e dicembre, quando altre varietà mostrano frutti stanchi, di basso calibro e mancanza di ‘fioritura’.

Carlos Gereda, direttore generale di Inka’s Berries.

Ci sono più di dieci aziende peruviane che hanno piantato Salvador nei loro campi o sono in attesa di piantarlo. Allo stesso modo, Inka’s Berries lo ha già commercializzato il materiale in paesi come Marocco, Namibia, Sudafrica, Portogallo, Spagna, Messico e Stati Uniti, essendo il rappresentante di questa varietà in tutto il mondo.

Salvador è una selezione sviluppata da UGA e convalidata per le condizioni peruviane nell’ambito del programma di selezione di Inka’s Berries. È stato lanciato sul mercato alla fine del 2017 e la sua produttività è superiore a 3 kg/pianta. “Nei nostri campi commerciali, abbiamo avuto raccolti di 10 t/ha il primo anno e per il secondo anno prevediamo di chiudere con oltre 23 t/ha. Essendo una varietà eretta, Salvador ci permette di aumentare la densità e non danneggiare la faccia della pianta. Oggi abbiamo i nostri campi con 10.000 piante/ha, che hanno un potenziale produttivo di più di 30 t/ha“, commenta Gereda.

Salvador è stato lanciato sul mercato alla fine del 2017 e la sua produttività è superiore a 3 kg/pianta.

400 ETTARI DI PROPRIETÀ NEL 2022

Il direttore esecutivo di Inka’s Berries riferisce che dei 140 ettari produttivi che l’azienda ha attualmente piantato, 40 corrispondono a Salvador. Entro la fine del 2020 includeranno altri 60 ettari. Entro il 2021, prevedono di piantare altri 100 ettari e, entro il 2022, di aggiungere altri 200 ettari. In totale ci saranno 400 ettari di una varietà che, secondo l’opinione degli specialisti dei mercati in cui è già coltivata, si distingue per il suo sapore, con un Brix medio di 13 e un punto di acidità basso e piacevole. “Un’altra caratteristica molto apprezzata dai clienti è la sua grande fermezza. Prima di lanciare la varietà, abbiamo fatto certificare da un laboratorio indipendente una durata di conservazione di 52 giorni”, sottolinea Gereda.

ALTRE VARIETÀ ALL’ORIZZONTE

Il programma di Inka’s Berries con l’Università della Georgia comprende tre generazioni di varietà. La prima generazione presenta Salvador e Matias. Quest’ultimo è un mirtillo molto precoce con grande sapore, calibro e fermezza. “In questa fase del programma, abbiamo sviluppato una genetica di alta qualità e con una royalty solo sulle piante; il frutto viene venduto liberamente e senza royalty”, sottolinea Gereda.

Nella seconda generazione, Inka’s Berries avrà varietà come Abril e Alessia, che saranno disponibili nei prossimi tre anni. In questo caso, gli interessati dovranno pagare le royalties sia per la pianta che per il frutto, che saranno liberi di vendere.

“La terza generazione include genetiche esclusive per Inka’s Berries e i nostri partner commerciali. In questa generazione, avremo Blue Dan, una varietà di calibro superiore, oltre 25 mm e LIN, una varietà altamente produttiva, con produzioni superiori a 5 kg/pianta, entrambe con un sapore eccezionale”, dice Gereda. Con queste varietà il modello di business sarà diverso, poiché chi vuole averle dovrà pagare le royalties per le piante e anche per i frutti. La vendita dovrà essere fatta attraverso i canali commerciali di Inka’s Berries.

2021, L’OBIETTIVO DI RADDOPPIARE LE VENDITE

Inka’s Berries ha chiuso il 2020 con un fatturato di oltre 12 milioni di dollari, cioè il 20% in più rispetto al 2019. Ed entro il 2021 stima di raddoppiare le sue vendite fino a 24 milioni di dollari di fatturato, grazie a nuovi impianti e alla vendita di piante.

“Anche se quest’anno è stato atipico a causa della situazione di Covid-19, possiamo salvare e trarre come lezione che sia la salute che il cibo sono bisogni che dovrebbero essere prioritari rispetto ad altre cose. Allo stesso modo, è importante ricordare che le agro-esportazioni peruviane hanno dimostrato che oggi sono uno dei principali motori dell’economia nazionale, che avanza sotto un quadro giuridico ‘ad hoc’ e porta lavoro a centinaia di migliaia di famiglie del paese”, dice Carlos Gereda.

Sottolinea che lo sviluppo dell’agro-export nazionale ha bisogno di altri partner strategici, come le istituzioni bancarie e i fondi d’investimento, che vedono ancora l’agricoltura come un settore troppo rischioso, informale e lento, argomenti che il contesto attuale ha dimostrato essere falsi.

Piani ambiziosi

I piani di Inkas Berrie per i prossimi cinque anni sono di piantare 1.000 ettari in tre diverse località del Perù, sempre con genetiche sviluppate dall’azienda. “Abbiamo l’obiettivo di lanciare una varietà almeno ogni due anni, e siamo molto responsabili su questo punto, poiché nessuna varietà che lanciamo sul mercato ha meno di cinque anni di studio nei nostri campi. Con questo puntiamo a fornire ai nostri clienti soluzioni e genetiche che sono validate al 100% per le condizioni peruviane“, sottolinea ottimisticamente Carlos Gereda.

Caratteristiche di Salvador

SALVADOR
Anno rilascio2017
Produttività3 kg per pianta (3° anno)
Calibro16mm+
Pelatura sul gamboAssente
DurezzaElevata
BrixMedia 13%
SaporeBuono
Shelf-life post raccolta52 giorni
Mercati raccomandatiEuropa e Asia

“Salvador è un mirtillo molto sodo, con un’eccellente ‘fioritura’ e con una dimensione superiore a 18 mm in più del 60% della sua produzione“, spiega Carlos Gereda, presidente esecutivo di Inka’s Berries, che ha chiamato questa nuova varietà in onore di suo figlio. “Tutti questi vantaggi cominciano ad essere conosciuti e riconosciuti dai nostri clienti e consumatori, che vedono in Salvador un mirtillo diverso che, senza dubbio e come ci dicono, è venuto per restare”, aggiunge Gereda. Naturalmente, l’imprenditore raccomanda ai suoi clienti di essere molto disciplinati nella fertirrigazione affinché la varietà possa esprimere tutto il suo potenziale.

Fonte: Redagricola

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!