Perù, export di mirtilli +50% verso l’Europa

La filiera peruviana del mirtillo si aspetta un enorme aumento del 40% delle esportazioni in questa stagione a circa 165.000 tonnellate, secondo un organismo del settore.

Il paese sudamericano ha superato il Cile la scorsa stagione per diventare il più grande esportatore mondiale di mirtilli freschi, spedendo 120.000 tonnellate verso i mercati d’oltremare.

Luis Miguel Vegas dell’associazione peruviana dei mirtilli ProArandanos ha dichiarato che i volumi di picco sono previsti per la settimana 41, quando si prevede di spedire poco più di 10.000 tonnellate di mirtilli.

Luis Miguel Vegas, direttore di ProArandanos

Mercati

Vegas ha detto che il mercato asiatico è destinato a ricevere il maggiore aumento in termini percentuali, con un raddoppio delle esportazioni verso la regione. Nel frattempo, le esportazioni verso l’Europa dovrebbero aumentare del 50%, e verso gli Stati Uniti del 25%.

Attualmente circa la metà del volume viene inviata al mercato statunitense, il 30% all’Europa, il 15% all’Asia e il restante 5% ad altri paesi del Sud America, oltre al Medio Oriente e ai Caraibi”, ha detto.

“Tuttavia, questa campagna vede la quota dell’Asia diventare molto consistente“, ha detto, aggiungendo che il Perù dovrebbe essere in grado di esportare a Taiwan per la prima volta in questa prossima stagione, avendo ottenuto l’accesso al mercato a marzo.

“Le aziende hanno dovuto mettersi al lavoro per rispettare tutte le norme a tutela della salute dei lavoratori… A maggio eravamo ben preparati per l’inizio della stagione delle esportazioni che è iniziata ufficialmente nella settimana 20, con spedizioni in Brasile e Tailandia“, ha detto.

Carenza manodopera

Tuttavia, ha aggiunto che la carenza di manodopera – un problema per l’industria peruviana dei mirtilli, anche prima della pandemia – continua a rappresentare una sfida.

“È sempre un problema per i coltivatori, perché i mirtilli sono un frutto che richiede molta manodopera”. Alla luce della pandemia, evidentemente avremo bisogno di più persone, e quindi trovarle e trasportarle nei campi è una grande sfida“, ha detto.

Crescita, concorrenza e qualità

Vegas ha spiegato che l’industria peruviana dei mirtilli è cresciuta in modo esplosivo nell’ultimo decennio. “Un decennio fa la gente non credeva che fosse possibile coltivare mirtilli in Perù, e ora è il primo esportatore mondiale”, ha detto.

Ha aggiunto che i mercati stanno diventando sempre più esigenti e i consumatori più sofisticati. “Inoltre, c’è più concorrenza”. Non solo la produzione sta crescendo in Perù, ma anche in altri paesi come il Messico e il Sudafrica. Quindi è molto importante che, in linea con la crescita, continuiamo a migliorare il prodotto per soddisfare i diversi mercati”, ha detto.

Varietà e quantità

Mentre Biloxi rimane la varietà predominante nell’industria peruviana del mirtillo, Vegas ha detto che nell’ultima stagione sono state introdotte nuove genetiche. 

Alla fine del 2019, c’erano circa 11.000 ettari di mirtilli piantati in Perù. Questa cifra dovrebbe crescere fino a 13.000 entro la fine di quest’anno, e potenzialmente 15.000 in due anni, a seconda delle condizioni di mercato e del livello di investimenti delle aziende.

Ti interessa approfondire il Perù?

Continua la lettura su Italian Berry!

Organización de las Naciones Unidas para la Alimentación y la ...

Tratto da: Peru forecasts massive lift in blueberry export this year (Fresh Fruit Portal)

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 5 / 5. Numero voti: 1

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!