Royal punta al raddoppio con lamponi e mirtilli

Il gruppo spagnolo mira a raddoppiare la superficie produttiva sia dei lamponi che dei mirtilli.

Royal SAT, la società sivigliana specializzata nella produzione e commercializzazione di frutta a nocciolo e piccoli frutti, è una delle maggiori realtà europee nel mercato della frutta fresca. Con sede a San José de la Rinconada, il gruppo scommette la sua futura crescita nel settore dei piccoli frutti, in particolare nella coltivazione di mirtilli e lamponi, in cui possiede varietà proprie, grazie alla ricerca genetica.

L’innovazione agricola attraverso la collaborazione con le principali università di ricerca agroalimentare come Cornell e Florida, entrambe negli Stati Uniti, è stata una costante fin dalle origini di Royal nei primi anni settanta e ha portato alla commercializzazione di prodotti superiori in termini di sapore, aroma e livelli di zucchero.

Così, se il fatturato dell’azienda, che supera i 100 milioni di euro, è stato sostenuto per il 50% da frutta a nocciolo (pesca, nettarina, albicocca, paraguayo e pluot) e per un altro 50% da frutti rossi (mirtillo, fragola, lampone e mora), nell’ultimo anno “le bacche hanno già rappresentato il 70% del fatturato“, dichiara il fondatore e presidente dell’azienda, José Gandía (foto).

La domanda è in crescita

Il motivo è che “la domanda di frutta a nocciolo è stata più stabile mentre la domanda di frutta rossa continua a crescere, in quanto i consumatori sono sempre più interessati ad ottenere prodotti di altissima qualità e con proprietà benefiche per la salute”, soprattutto nel caso del lampone, perché “da ottobre il mercato è molto dinamico e questo frutto viene consumato solitamente fino al mese di giugno”.

Royal opera già con i lamponi, di cui produce circa 1.000 tonnellate a Huelva, in Portogallo e in Marocco.

La stagione del mirtillo forte inizia a gennaio e l’azienda ne raccoglie circa 10.000 tonnellate, coltivate principalmente in Marocco.

L’80% della sua attività è all’estero, con una forte penetrazione in Europa, dove le varietà di lampone “Glamour” e mirtillo “Blu Aroma” sono molto popolari in paesi come Francia, Olanda e Norvegia. I paesi nordici sono strategici per l’azienda in quanto “molto sensibili alla qualità, al gusto e agli aromi delle nostre varietà”.

Consumo nazionale

Tuttavia, Gandía evidenzia la crescita del consumo che i frutti rossi stanno vivendo a livello nazionale, “grazie all’impulso di catene come Mercadona”, a cui Royal fornisce mirtilli. “Mercadona rappresenta il 36% della frutta fresca venduta in Spagna, anche se nel caso dei mirtilli la percentuale sale al 60% e al 50% nel caso dei lamponi”, sottolinea Gandía.

Per far fronte a questa crescente domanda nazionale e internazionale, Royal vuole raddoppiare la superficie coltivata a lamponi e mirtilli “nei prossimi quattro anni al massimo” investendo in terreni a Huelva e in Portogallo. Così, secondo il presidente del gruppo imprenditoriale, l’idea è “passare da 600 a 1.200 ettari di mirtilli e da 100 a 200 ettari nel caso dei lamponi”, in quest’ultimo caso, “compresa l’alleanza di cooperative e piccoli produttori di Huelva e Portogallo con cui vogliamo lavorare”.

Il gruppo prevede di chiudere il 2019 con una crescita del 10% del fatturato rispetto all’anno precedente, grazie alla crescita del 20% dei piccoli frutti.

Fonte: Royal encomienda su crecimiento futuro al cultivo de frutos rojos

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!