Mirtilli negli USA: previsti autunno e primavera con prezzi al ribasso

Una recente ricerca di Rabobank indica che l’aumento dell’offerta di mirtilli importati negli Stati Uniti indebolirà i prezzi nel 2019-20, in particolare nelle stagioni primaverile ed autunnale.

Il rapporto, che si concentra sui nuovi fornitori globali che vendono al mercato statunitense dei mirtilli, è stato scritto dagli analisti Rabobank David Magana e Roland Fumasi e anticipa i futuri prezzi dei mirtilli sulla base della crescita delle importazioni.

Le principali conclusioni della ricerca:

  • il consumo di mirtillo fresco negli Stati Uniti è cresciuto a un tasso annuo superiore al 12% negli ultimi dieci anni;
  • i prezzi interessanti hanno invitato la concorrenza dei produttori di Perù e Messico, con conseguente pressione al ribasso sui prezzi;
  • le opportunità commerciali per le forniture a valore aggiunto e/o per le imprese competitive continueranno con l’espansione del mercato;
  • le spedizioni settimanali di mirtilli aumenteranno notevolmente nel 2019-20, in particolare nelle transizioni nelle stagioni autunnali e primaverili, con conseguente abbassamento dei prezzi per quelle specifiche settimane.
  • la crescita del consumo di mirtillo, pari a circa il 12% all’anno nell’ultimo decennio, ha superato la crescita della produzione nazionale americana di mirtillo di circa il 7% all’anno. Per compensare la differenza, le importazioni sono aumentate del 15% all’anno nell’ultimo decennio.

“Il consumo pro capite di mirtilli è triplicato nell’ultimo decennio”, ha detto Magana il 19 ottobre. “Questo ha a che fare, ovviamente, con una maggiore disponibilità, perché le importazioni sono più elevate”.

I maggiori volumi di importazioni di mirtilli stanno riempiendo finestre di mercato che in passato hanno visto poche forniture.

“Solo pochi anni fa, la Florida è stata una delle poche regioni in crescita che ha raccolto mirtilli a livello commerciale all’inizio della primavera, e ora il Messico ha una quota di mercato vicina al 50%”, ha detto Magana. “Questo non significa che la produzione della Florida è in declino, ma solo che la torta sta diventando sempre più grande”.

Magana ha detto che Rabobank prevede che il consumo di mirtillo, pari a circa 900g ora, continuerà a crescere. Il frutto è la seconda bacca più consumata dopo le fragole, che ha un consumo pro capite di 3,5 kg.

Rabobank si aspetta una maggiore concorrenza da parte delle importazioni in primavera e autunno.

“Il Messico continuerà a mettere pressione sulla Florida”, ha detto Fumasi.

L’anno prossimo, Rabobank prevede che spedizioni totali di mirtilli dalla settimana 38 alla settimana 49 (da metà settembre ai primi di dicembre) saranno in media del 40% superiori al 2019. Inoltre, Rabobank stima che le spedizioni medie dalla settimana 11 alla settimana 24 (dai primi di marzo ai primi di giugno) nel 2020 saranno in media dal 30% al 40% maggiori del 2019.

La relazione prevede che i prezzi settimanali dei mirtilli saranno inferiori di circa il 20% nelle settimane 40-50 (da fine settembre a inizio dicembre) nel 2020, rispetto alla media 2014-2018 per lo stesso periodo.

Secondo la relazione Rabobank, i prezzi settimanali per le settimane dal 15 al 20 (da inizio aprile a metà maggio) nel 2020 sono previsti inferiori del 30% rispetto alla media quinquennale.

Fonte: The Packer

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!