Volume dei mirtilli in aumento: le prospettive di Camposol

L’aumento dei volumi da Perù e Messico e le nuove varietà di mirtilli premium di proprietà pongono l’azienda su basi sicure.

Camposol prevede un aumento significativo dei volumi di mirtilli peruviani in questa stagione, grazie all’elevata produttività delle sue aziende agricole.

Con la campagna dei mirtilli peruviani ormai in pieno svolgimento, l’azienda ha dichiarato che i suoi clienti al dettaglio sono sempre più interessati a mantenere i loro programmi di fornitura dal Perù oltre la tradizionale stagione di fine estate/autunno, grazie all’estensione della finestra stagionale del Paese.

Camposol si è dichiarata molto soddisfatta della performance del suo business mondiale dei mirtilli e del risultato dei continui sforzi di innovazione.Nei prossimi anni, Camposol ha dichiarato che i volumi di mirtilli aumenteranno a un ritmo più modesto, in parte a causa del reimpianto dei campi esistenti con nuove varietà.

Una parte considerevole della crescita futura verrà dal Messico, dove l’azienda prevede uno sviluppo più rapido rispetto al Perù, grazie a una strategia su due fronti: l’espansione graduale delle proprie attività agricole a Sinaloa e la collaborazione con coltivatori indipendenti per immettere la loro produzione sul mercato con il marchio Camposol.

Circa il 50% della produzione è destinato al mercato nordamericano, il 25% all’Europa, il 20% alla Cina e il 5% ad altre regioni.

Camposol ha dichiarato di vedere una tendenza positiva nel consumo di mirtilli biologici sia per il mercato statunitense che per quello europeo, anche se il consumo potrebbe essere influenzato dalla guerra in Ucraina.

Circa l’8% delle 223.000 tonnellate di mirtilli esportati dal Perù nel 2021/22 provengono dalla produzione biologica, principalmente per il mercato statunitense.

“Fin dall’inizio è stato importante per noi offrire ai nostri clienti mirtilli sia convenzionali che biologici”, ha dichiarato l’azienda. “Anche la nostra produzione convenzionale può essere considerata ‘semi-organica‘, in quanto viene coltivata con quasi nessuna sostanza chimica”.

Nell’ambito della sua strategia di sostenibilità, Camposol ha dichiarato di continuare a lavorare a pieno ritmo per estendere l’uso delle confezioni termosaldate, che consentono di risparmiare più di un terzo del materiale plastico rispetto al tradizionale guscio di conchiglia. Altre innovazioni di packaging sono attualmente in fase di sperimentazione.

Tuttavia, con l’ingresso nel settore dei mirtilli di un numero sempre maggiore di operatori in tutto il mondo, la pressione competitiva è in aumento.

Il CEO di Camposol, José Antonio Gómez, ha commentato: “La nostra risposta a questo ambiente più esigente è stata quella di raddoppiare gli sforzi per fornire un ottimo servizio come fornitore integrato verticalmente con piattaforme commerciali in Nord America, Europa e Cina”.

José Antonio Gómez, CEO di Camposol.
José Antonio Gómez, CEO di Camposol.

“Inoltre, il programma pluriennale di selezione di Camposol ha prodotto con successo alcune nuove varietà proprietarie di qualità superiore che sono in fase di sperimentazione finale e che arriveranno sul mercato nei prossimi anni per migliorare il nostro portafoglio di mirtilli. Questi sforzi ci garantiranno di essere preparati al meglio per rispondere alle preferenze del mercato per molti anni a venire”.

Camposol ha dichiarato di essere impaziente di partecipare all’IFPA Fresh Produce Show di Orlando e di essere sponsor del Global Berry Congress GBC di Rotterdam a novembre.

Fonte: Fruitnet
Fruitnet è parte del network di NCX Media

NCX Media network

Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!