Portogallo, trecento delegati al congresso del mirtillo

Si è svolta venerdì 28 ottobre l’11 edizione del Encontro Nacional Produtores de Mirtilo, a Sever do Vouga, capitale portoghese del Mirtillo, dove nel 1990 fu introdotta la prima pianta di mirtillo presso la Fundação Bernardo Barbosa de Quadros.

Il convegno si è svolto in 6 sessioni, aperto dalla Ministra dell’Agricoltura Maria di Céu Antunes, ha poi trattato varie tematiche: dalle origini della coltura del mirtillo in Portogallo, passando per l’analisi di dati e tendenze future grazie a un’esaustiva relazione di Jorge Esquivel (Blueberry Consulting) con la moderazione di Pedro Bras de Oliveira (Iniav I.P.).

La terza sessione è stata introdotta da Luigi Bianchi che ha presentato la 40° edizione di Macfrut con particolare attenzione all’International Blueberry Days.

La quarta parte del convegno ha trattato tematiche quali fertilizzanti, tecnologie, protezione e tutto quanto serve in campo per produrre frutti nel modo migliore possibile, limitando danni derivanti da condizioni avverse.

La sessione è stata poi dedicata alle risorse idriche per ottimizzare efficienza nell’utilizzo dell’acqua anche grazie a tecnologie di conservazione di questa preziosa risorsa.

Dalla produzione si è poi passato al controllo qualità, la conservazione e la commercializzazione del mirtillo valorizzando e tenendo in considerazione le esigenze e le preferenze dei consumatori.

Oltre trecento delegati presenti, 21 sponsor per un evento annuale che sta assumendo un’importanza tale da travalicare i confini nazionali e accogliere delegati da paesi quali Spagna, Italia, Paesi Bassi, Francia, Cile e Perù.


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 3.3 / 5. Numero voti: 3

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!