raspberries on black wooden board

Lamponi, Perù grande assente

I lamponi in Perù non sono riusciti a seguire il percorso dei loro cugini a bacca. Mentre il mirtillo e la fragola sono riusciti ad aumentare la produzione e le esportazioni, il lampone è ancora una coltura sperimentale in Perù, nonostante sia presente nel Paese da quasi 10 anni.

In parte ciò è dovuto alle varietà scelte. Secondo la dottoressa Marina Gambardella, ricercatrice e docente presso la Facoltà di Agronomia dell’Università Cattolica del Cile e consulente per la produzione di lamponi in Perù, il Paese ha iniziato con la varietà Heritage. È il più tradizionale dei lamponi, con elevata produttività, resistenza e dolcezza. Ma il suo basso calibro e i problemi di manipolazione che ha generato hanno spinto i coltivatori a cercare nuove varietà.

Vantaggi delle nuove varietà

Il consulente sottolinea che si è puntato su nuove varietà che in condizioni di clima temperato, come nel caso della zona costiera del Perù, hanno la capacità di produrre più frutti durante l’anno.

L’esperta di lamponi Marina Gambardella sottolinea che in Perù la varietà Heritage non ha avuto una gestione agronomica adeguata, che ha impedito ai frutti di raggiungere il loro potenziale.

Alcune aziende hanno introdotto le varietà “Santas“, come Santa Clara e Santa Catalina, entrambe di origine cilena, dice Gambardella. Hanno inoltre aggiunto Adelita, proveniente da Planasa, in Spagna, e Kwanza e Kweli, entrambi provenienti dal programma di selezione olandese Advanced Berry Breeding (ABB). L’esperta di lamponi Marina Gambardella sottolinea che la varietà Heritage non ha avuto una gestione agronomica adeguata, che ha impedito ai frutti di raggiungere il loro potenziale.

Ciò comporta un chiaro vantaggio in termini di produttività: le rese di queste varietà in queste condizioni raggiungerebbero le 23 t/tonnellate per ettaro. “Questi valori sono in linea con le rese ottenute da queste varietà in altre aree, in condizioni agroclimatiche simili (ad esempio, Messico 18,3 t/ha di media, Spagna e Portogallo 24,1 t/ha di media, anche se in questi ultimi due Paesi la coltivazione è prevalentemente a tunnel”.

Tuttavia, sottolinea, ci sono ancora dubbi sulla qualità dei frutti ottenuti e soprattutto sulle loro caratteristiche post-raccolta.

SFIDE FITOSANITARIE

Per il momento, i coltivatori di lamponi in Perù stanno cercando di risolvere i problemi fitosanitari, tra cui le malattie causate da funghi del suolo come Phytophthora, Pythium, Fusarium e Macrophomina. Il ricercatore sottolinea che è molto importante che i frutteti siano realizzati con piante provenienti da vivai specializzati, che dovrebbero fornire piante sane e di buona qualità.

Lamponi Heritage
Lampone Heritage

È inoltre importante che venga effettuata una buona gestione del suolo, senza esporre le piante a condizioni di ristagno idrico, e che venga effettuata una buona rotazione del suolo. “Se la semina viene effettuata in aree con un’elevata umidità relativa durante i periodi di raccolta, anche il marciume grigio dovuto al fungo Botrytis è un problema importante che potrebbe causare grandi perdite di resa”, avverte il dottor Gambardella.

Esistono altri problemi di parassiti e malattie che possono rappresentare una grave minaccia. Una di queste è la Drosophila, che sta causando gravi danni in tutti i Paesi in via di sviluppo. Lo specialista spiega che in Perù, probabilmente nelle prime fasi di sviluppo della coltura, la pressione di parassiti e malattie sarà bassa. Tuttavia, man mano che la superficie piantata cresce, dovrà affrontare una maggiore incidenza dei principali parassiti che colpiscono i lamponi.

Per il consulente di coltivazione delle bacche, José Cordero, la gestione agronomica dei lamponi non è così complicata, ma afferma che è fondamentale che i coltivatori imparino il processo sia in termini fitosanitari che di produzione e commercializzazione. Allo stesso tempo, sottolinea che sarà molto importante introdurre nuove varietà resistenti ai funghi radicali o più resistenti a parassiti e malattie. Oltre a continuare a controllare con i prodotti consentiti.

A questo proposito, è importante optare per un sistema di gestione integrata che comprenda la prevenzione, il monitoraggio, un’adeguata nutrizione delle colture, pratiche culturali (rotazione delle colture, colture trappola, eliminazione delle infestanti ospiti, ecc.), controllo biologico e chimico.

REQUISITI DI FERTILIZZAZIONE

Il fabbisogno di nutrienti per la coltura del lampone varia a seconda della varietà e della fase della coltura, in base ai risultati dell’apporto di nutrienti dal terreno; uno strumento per valutare il fabbisogno della coltura è l’uso delle curve di assorbimento ed estrazione dei nutrienti. “Il raggiungimento di rese superiori per i lamponi è possibile considerando e gestendo correttamente i molteplici fattori coinvolti nella produzione, a partire da una buona diagnosi della fertilità”, sottolinea Cordero.

Secondo una parte della letteratura, le varietà tradizionali e le nuove varietà con rese più elevate dovrebbero prima essere testate a diverse dosi di NPK/ha con la consulenza del vivaio. “Si consigliano 80-100 unità di azoto, 80-100 unità di acido fosforico, 100-150 unità di ossido di potassio, 30-40 unità di magnesio. 30-40 unità di magnesio e 20-30 unità di calcio”, afferma il consulente.

Advertisements

Fonte: Redagro



Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!