More senza semi all’orizzonte grazie all’editing genico Crispr

Pairwise, una società con sede negli Stati Uniti che utilizza la tecnologia Crispr e l’editing genico per sviluppare nuove varietà di frutta e verdura fresca, ha presentato Conscious Foods, la sua prima etichetta di consumo.

La prima linea di prodotti di marca – un tipo di insalata a foglia densa e nutriente – sarà in vendita nel 2023, commercializzata come un’insalata confezionata sotto il nome di Conscious Greens. Secondo Pairwise, l’articolo di debutto è stato sviluppato avendo in mente “gli amanti dell’insalata in cerca di varietà”.

“Quando io e i miei cofondatori abbiamo avviato l’azienda nel 2017, volevamo creare un tipo diverso di azienda food+tech, una che si concentrasse davvero sui benefici finali dei suoi prodotti per i consumatori e i clienti”, commenta Haven Baker, chief business officer del gruppo. “Ora, nel 2022, crediamo che il modo migliore per realizzare questa visione sia il lancio di un marchio di consumo orientato allo scopo, Conscious Foods”.

Il futuro

Altri prodotti, tra cui more senza semi, lamponi neri e ciliegie senza nocciolo, saranno aggiunti alla gamma nel prossimo futuro, ha aggiunto l’azienda.

Pairwise ha raccolto 115 milioni di dollari di finanziamenti attraverso due round, e sembra destinata a fare da apripista nell’applicazione della tecnologia di gene-editing in orticoltura. Una delle ragioni principali per il lancio di un marchio come Conscious Foods, dice, è quello di aumentare il consumo di frutta e verdura fresca rendendola più accessibile.

Attualmente, solo un adulto su dieci negli Stati Uniti mangia la quantità raccomandata dal Centers for Disease Control and Prevention. “Come marchio orientato allo scopo, stiamo sostenendo l’accesso al cibo sano nelle comunità in cui operiamo“, dice Megan Thomas, responsabile del marketing e delle comunicazioni di Pairwise. “Sappiamo che i consumatori, soprattutto i giovani adulti, sono sempre più interessati ai marchi incentrati sulla missione, e siamo entusiasti di portare lo scopo nella corsia dei prodotti con Conscious Foods”.

Conscious Foods ha anche creato un proprio consiglio consultivo di nutrizionisti, che, a suo dire, aiuterà il marchio a sviluppare nuovi prodotti freschi che siano “convenienti e facilmente integrabili in pasti e spuntini familiari”.

Il marchio ha anche collaborato con Foodbank for Monterey County per “aiutare a raggiungere il loro obiettivo condiviso di abbassare le barriere di accesso a frutta e verdura sana”. I Conscious Greens saranno coltivati nella contea di Monterey, in California, un’area dove si stima che il 34% dei residenti non abbia un accesso costante al cibo.

Fonte: Fruitnet
Fruitnet è parte del network di NCX Media

NCX Media network

Foto: steve lodefink


Advertisements

Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!