Il mirtillo Siberiano protagonista del Canadian Haskap Symposium

Il primo giorno del Canadian Haskap Symposium è alle spalle. L’evento, organizzato da CRAAQ, era in programma per due mercoledì – 20 e 27 ottobre. Durante il primo blocco si sono tenuti diversi interventi interessanti. Uno di questi è stato consegnato congiuntamente da Alena Chernenko di Severnyi Sad e Artem Sorokin della Russian Kamchatka Berry Growers Association. Riguardava le condizioni dell’industria delle bacche di haskap (o mirtillo siberiano o di Kamchatka) in Russia.

Impianti in diverse parti della Federazione Russa

La bacca di Kamchatka viene coltivata in varie parti del paese, soprattutto nell’ovest, nel sud e nell’est. “Come risultato dei programmi di allevamento in Russia, ci sono già 123 articoli nell’elenco delle varietà ufficiali. Alcuni di loro, principalmente da Bakchar, sono utili per le colture commerciali. Alcuni sono dedicati solo alla semina nei giardini di casa. Un problema nella parte europea della Russia per molti di loro è il periodo troppo breve di sonno invernale. Gli autunni lunghi e caldi fanno sì che i fiori appaiano sui cespugli durante l’inverno, il che a sua volta porta alla perdita di parte del potenziale raccolto nella prossima stagione” ha affermato A. Sorokin nell’introduzione.

Le piantine dalla Polonia sono molto apprezzate

Il relatore ha informato che il materiale di piantagione su cui sono stabilite le piantagioni proviene principalmente da vivai autoctoni. Le piantine in vitro sono particolarmente desiderabili, ma il mercato interno non è in grado di fornirne abbastanza. Ecco perché vengono importati dalla Polonia, principalmente da Plantin. La superficie di Haskap in Russia è in costante crescita. Nel 2020, grazie al programma di aiuti del governo, i mirtilli stavano già crescendo su una superficie di 745 ettari. Gli ostacoli a un’ulteriore crescita sono la paura della gestione delle colture, soprattutto nell’ovest del paese. Anche la selezione delle varietà non è stata sempre corretta: alcune piantagioni devono essere rinnovate in base a creazioni più utili per la produzione commerciale. Un altro problema è l’accesso a conoscenze specialistiche in agrotecnica. L’area degli alberi di bacche è molto varia, da 1 ha a 100 ha.

Cosa fanno i russi con la frutta?

Frutta preparata per la vendita nei negozi

Una parte della produzione è destinata alla lavorazione interna: vengono prodotte principalmente marmellate e succhi. I mirtilli siberiani rimanenti vengono venduti al mercato aperto e alcuni vengono congelati e venduti nel corso dell’anno. La gamma di prodotti basati su Haskap in Russia è molto ampia. Questa specie è presente nel paese e nella coscienza dei consumatori da molti anni. Tuttavia, è più comune nella parte asiatica della Federazione Russa.

A. Sorokin ha anche informato dei tentativi abbastanza riusciti di cooperare nella vendita di frutta fresca nei negozi delle grandi catene di vendita al dettaglio. A sua volta, A. Chernenko ha parlato dei tentativi riusciti di trasportare frutta fresca da Tomsk a Mosca e in altre località a diverse migliaia di chilometri di distanza nella Federazione Russa. Tuttavia, i processi logistici, in particolare il mantenimento di una temperatura uniforme durante il periodo di trasporto, sono piuttosto difficili e i danni ai frutti sono comuni. Al fine di divulgare il consumo di bacche di haskap e garantire il mercato locale, alcuni coltivatori organizzano eventi di auto-raccolta e piantagioni, durante i quali i consumatori possono provare le bacche e i preparati a base di esse. Viene anche utilizzata la promozione di questi frutti tramite i social media.

La Polonia apprezzata al Canadian Haskap Symposium

Durante il Canadian Haskap Symposium sono stati discussi argomenti relativi alla produzione delle bacche di haskap e al loro utilizzo in tutto il mondo. Vale la pena sottolineare che nella maggior parte dei discorsi, i relatori hanno riconosciuto la grande importanza della Polonia nella gerarchia globale del settore dell’Haskap. Apprezzano le attrezzature prodotte dalle società di ingegneria polacche, il materiale di piantagione e la qualità della frutta esportata dalla Polonia.Un altro marchio prestigioso è l’International Kamchatka Conference, a cui alle precedenti edizioni hanno partecipato molti partecipanti al simposio. Questo è il più grande evento di settore al mondo, organizzato dall’editore della rivista “Jagodnik”, e continuerà quest’anno. Informazioni dettagliate su questo argomento saranno presto pubblicate sulle pagine del portale http://www.jagodnik.pl.

Fonte: Jagodnik
Jagodnik è parte del network globale di Italian Berry


Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!