Visione artificiale e stima dei raccolti

Cosa fanno un’appassionata di deep tech, un’agronoma, un ingegnere esperto in intelligenza artificiale e un data scientist in mezzo a un campo di piccoli frutti? Lavorano per migliorare la visione del frutteto, sviluppando strumenti innovativi ad alto impatto grazie alle nuove tecnologie di visione artificiale.

Fiona Parker (foto) ha fondato Bitwise Agronomy, una start up nata in Tasmania che si concentra sull’uso dell’intelligenza artificiale per aiutare i frutticoltori a prendere decisioni corrette.

Come è nata Bitwise Agronomy?

Dalla nostra esperienza diretta come viticoltori in Jinglers Creek Vineyard sappiamo che gestire un’azienda agricola pone diverse sfide: la produzione può essere distribuita su territori ampi e avere una struttura variabile e complessa, le operazioni in campo sono costose e spesso inefficienti, la gestione aziendale spesso manca di informazioni complete e approfondite: tutto questo porta a imprevedibilità e quindi a costi e potenziali perdite.

Qual è la soluzione che avete sviluppato?

Quando un produttore cammina in campagna analizzando attentamente tutte le caratteristiche del suo frutteto, vorrebbe poter avere una visione rapida e completa di tutti i problemi. Qui entra in campo la nostra tecnologia, basata su un’attrezzatura molta semplice unita a una tecnologia innovativa e complessa.

La visione artificiale di Greenview identifica e classifica foglie, germogli, fiori e frutti in un impianto di lamponi

Di cosa si tratta concretamente?

Una semplice GoPro, l’action cam utilizzata dagli sportivi per riprendere le proprie avventure. viene montata sul trattore. Le riprese realizzate mentre il mezzo attraversa il frutteto vengono analizzate dal nostro sistema di visione artificiale Greenview per analizzare il raccolto, individuare i problemi e stimare i raccolti.

Basta una GoPro per riprendere i dati da caricare sul portale di Bitwise Agronomy

Da cosa è nata l’idea di utilizzare un piccola action cam?

Attualmente la maggior parte delle immagini offerte per ottenere informazioni sulle colture ortofrutticole si basa su immagini aeree. Questo presenta una sfida a causa della risoluzione delle immagini e del costo degli interventi: il nostro software Greenview ha risolto questo problema prendendo immagini laterali pianta per pianta. Questo ci dà il vantaggio di poter effettivamente “vedere” e contare i frutti, un requisito fondamentale per la stima della resa, piuttosto che modellare i numeri. L’utilizzo di telecamere standard facilmente reperibili ci ha anche permesso di attivare i clienti a livello globale fin dall’inizio, anche durante una pandemia.

Quindi una tecnologia a basso costo rafforzata da sistemi di apprendimento automatico.

Basta infatti una videocamera da poche centinaia di euro per le riprese, tutto il resto lo fa l’intelligenza artificiale di Bitwise Agronomy. Il produttore deve solo caricare il video sui nostri server e il nostro software Greenview analizzerà il raccolto, contando e misurando gli aspetti fenologici e produttivi per restituire un rapporto analitico sullo stato di salute e la produttività della sua azienda.

L’applicazione su un impianto di lamponi della tecnologia di Bitwise Agronomy

Siete nati nelle aziende vitivinicole: cosa state facendo per i piccoli frutti?

E’ stato un passaggio naturale quello dagli acini dei grappoli di uva da vino alle bacche di fragole, mirtilli e more. I dati vengono raccolti regolarmente dal produttore lungo le diverse fasi di sviluppo della pianta tramite la videocamera. I nostri sistemi elaborano le riprese per analizzare lo sviluppo dalla fioritura alla completa formazione del frutto, contare il numero di bacche, studiare la loro distribuzione sulla pianta.

Quali sono le differenze con le rilevazioni umane?

La precisione degli esseri umani quando eseguono compiti semplici ma ripetitivi, come contare i grappoli di frutta, può essere inferiore al 50%. Per quanto riguarda la precisione, abbiamo lavorato intensamente con i coltivatori di lamponi e fragole in Tasmania e con i coltivatori di mirtilli in Cile per assicurarci che i dati che stiamo raccogliendo corrispondano a ciò che i coltivatori vedono sul campo. Stiamo riprendendo alcuni video manualmente per questo esercizio, camminando nelle coltivazioni.

Ci può fare un esempio di un intervento reso possibile dalla vostra tecnologia?

Esaminando i rapporti Bitwise che stavamo inviando ai nostri coltivatori di bacche, abbiamo notato un forte calo nel numero di fiori e bacche, e quindi nella resa potenziale. Parlandone con il nostro cliente, si è scoperto che il sistema di monitoraggio degli scarichi non funzionava correttamente, quindi il sistema di irrigazione stava irrigando troppo. Come sappiamo, le fragole sono intolleranti ai ristagni d’acqua e questo ha avuto un rapido impatto sulla produttività delle piante.

Quali sono i prossimi piani di sviluppo?

Advertisements

Mentre raggiungiamo il nostro ritmo nell’emisfero meridionale e cominciamo a guardare verso la fine della stagione, stiamo acquisendo nuovi clienti nell’emisfero settentrionale, in particolare nel Regno Unito. Questo è molto stimolante per Bitwise Agronomy in quanto la copertura di entrambi gli emisferi ci permette di continuare a perfezionare e migliorare Greenview e ciascuna delle reti, per essere sicuri di fornire il prodotto della massima qualità possibile, il più presto possibile. E poi ci sono gli agrumi… ma questo è un altro capitolo!

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!