Nuovo progetto di editing genomico per migliorare lamponi e more

L’azienda di produzione agricola e biotecnologica Pairwise ha stretto questa settimana una partnership con Plant Sciences Inc (PSI) per creare nuovi tipi di bacche (tramite l’incubatore statunitense WRAL TechWire).

Pairwise utilizza la tecnica CRISPR di editing del genoma per sviluppare nuove varietà di alimenti che sono ottimizzati per la nutrizione, hanno una vita di scaffale più lunga o crescono più rapidamente.

Pairwise, utilizzerà le sue capacità di editing dei geni e l’accesso al germoplasma selezionato fornito da PSI. I germoplasmi sono risorse genetiche viventi come i semi o i tessuti che vengono mantenuti a scopo di miglioramento genetico di animali e piante.

I berries sono una delle categorie di prodotti in più rapida crescita negli Stati Uniti, ma questo si concentra in gran parte solo su alcune varietà. Immaginate di avere decine di nuove varietà di bacche che offrono più scelta e sapore.

Tom Adams, CEO di Pairwise

“A Coirwise, vogliamo rendere più facile una sana alimentazione. Ora più che mai, le persone sono concentrate sulle loro opzioni alimentari e cercano il modo di fare scelte salutari a casa. Grazie alla collaborazione con il PSI, stiamo passando da partnership scientifiche a partnership di prodotto che porteranno sul mercato nuovi piccoli frutti“.

Pairwise ha detto che questa collaborazione si basa su una partnership pubblico/privato con il PSI precedentemente stabilita con il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) e diverse istituzioni accademiche leader per identificare diversi, nuovi tipi di bacche che non sono oggi ampiamente prodotti per la vendita commerciale.

In primo luogo, Pairwise e PSI si concentreranno sui lamponi neri e rossi e sulle more. Sperano di avere la prima generazione di piccoli frutti sugli scaffali nei prossimi anni.

Fonte: WRAL TechWire

Foto di mcmurryjulie da Pixabay

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!