Polonia: stagione 2019 salvata dall’innovazione

Rendimenti più elevati, ma accompagnati da sfide climatiche. Questo è ciò che riassume abbastanza bene la stagione 2019 dei mirtilli polacchi. Calore imprevedibile e mancanza di lavoratori stagionali hanno messo a rischio quasi tutta la stagione, che si è salvata grazie a nuovi impianti e varietà.

Secondo Mateusz Pilch del gruppo polacco Berrygroup la stagione è stata abbastanza buona per i coltivatori polacchi, anche se con alcune sfide da superare: “Per noi la stagione dei mirtilli è stata una buona stagione. Quest’anno abbiamo avuto rese più elevate, dato che la quantità di frutta che raccogliamo dai nuovi campi aumenta ogni anno. Nuove varietà ci aiutano anche a migliorare il volume complessivo e la qualità delle nostre bacche. Inoltre, miglioriamo costantemente i nostri metodi di coltivazione. Ad esempio, in questa stagione abbiamo implementato con successo un nuovo substrato ecologico al 100% Carbomat – principalmente per contenitori. Abbiamo dovuto affrontare un clima imprevedibile sotto forma di enorme calore e un certo numero di grandinate. Anche le gelate primaverili in Polonia hanno reso le cose difficili”.

I mercati principali per i mirtilli polacchi si trovano in Europa, e Pilch ha notato una tendenza alla crescita del consumo di mirtilli. “Il Regno Unito, la Scandinavia e la Germania sono ancora i mercati principali per i nostri mirtilli, ma molto sta cambiando oggi. Vediamo una crescita molto dinamica dei consumi nell’Europa centrale e orientale, quindi vogliamo sviluppare le nostre vendite qui. Paesi come la Polonia, la Repubblica Ceca, la Slovacchia, la Romania e i paesi baltici hanno sicuramente la nostra attenzione. Direi che i prezzi per la frutta di buona qualità sono abbastanza stabili, c’è una diminuzione durante il picco della varietà Blue Crop, mentre un aumento del prezzo si nota di solito intorno a settembre“.

La coltivazione biologica è accolta con crescente interesse in Polonia, e lo stesso si può dire per i mirtilli. Anche se non c’è una produzione biologica propria, Pilch afferma che stanno sperimentando molteplici nuovi metodi di coltivazione e utilizzano imballaggi con plastica ridotta: “Oltre al substrato Carbomat di cui sopra, stiamo usando acidi umici; in particolare l’estratto di lignite – Carbohumic per ridurre il consumo di fertilizzanti, aumentare il contenuto di materia organica nel suolo e rafforzare le piante contro condizioni stressanti come il tempo, la scarsità d’acqua, malattie, parassiti e così via.”

Fonte: Polish blueberries had higher yields in 2019

Photo by Kim Gorga on Unsplash

Annunci