person holding black round fruits

La straordinaria efficacia dell’approccio collaborativo nello sviluppo del mercato globale del mirtillo

Nel recente convegno dell’International Blueberry Organization è stato riconosciuto il contributo eccezionale che la collaborazione tra tutti gli attori della filiera globale del mirtillo ha dato allo sviluppo e alla crescita del mercato. In questo articolo si mette in guardia dal rischio che la filiera cominci a richiudersi in sè stessa e ognuno (i diversi attori, le diverse provenienze, le tante associazioni) guardi solo al proprio orticello: a livello globale potrebbe essere l’inizio della fine di questa età dell’oro che sta tuttora continuando.

In Italia questa collaborazione di filiera non si è mai concretizzata realmente: il nostro mercato si sta sviluppando “a tre cilindri”, cioè senza sfruttare appieno la potenza del motore che abbiamo praticamente appena acceso. Non riconoscere l’efficacia di quanto è stato fatto a livello globale costerà all’intera filiera italiana centinaia di milioni di euro di fatturato. Ce lo possiamo davvero permettere?

Thomas Drahorad


Non dobbiamo mai dimenticare che il successo della diffusione del mirtillo nel mondo è stato raggiunto in modo collaborativo, trasferendo la massima quantità di informazioni e conoscenze relative ai diversi aspetti della coltura, sia nella sua fase agronomica che commerciale, e considerando tutti gli attori dell’industria come protagonisti con diritti, a livello superiore o inferiore.

Il mercato è un flusso e riflusso di cicli alti e bassi di prodotti che nascono e muoiono ogni anno. Pochissimi rimangono, non solo a causa della guerra commerciale, ma anche per il cambiamento della cultura, della moda o delle abitudini. Nel caso del cibo, nemmeno il pane o l’acqua hanno assicurato la loro posizione permanente nel mercato dei consumatori.

Martin Carrillo O, Blueberries Consulting

Il caso dello zucchero, del sale, del latte o della farina, per esempio, dimostra che, anche se sono stati punti fermi nella dieta umana, possono essere sostituiti. Lo stesso accade, o può accadere, nel caso delle verdure e anche della frutta.

Il mirtillo è il più giovane nel mercato internazionale della frutta e quello che si è espanso più velocemente a livello globale, imponendosi come un gusto acquisito al palato di consumatori di culture molto diverse e di diverse regioni del pianeta. Non solo, ma in pochissimi anni è stato possibile includere il mirtillo nella dieta umana della stragrande maggioranza dei paesi in cui è commercializzato.

SVILUPPO COLLABORATIVO

In generale, i mercati di certi prodotti nascono e crescono perché un’azienda – o un gruppo di esse – crea un prodotto e lo alimenta con le armi del marketing e della pubblicità per creare la domanda. Questo è il modo classico in cui si costruisce il mercato. Poi si scatena la concorrenza, e l’azienda più forte o più resiliente resiste.

In questo quadro, è molto raro che un’industria si sviluppi in modo collaborativo tra i suoi molteplici attori, come nel caso dell’industria del mirtillo, che lo ha fatto mano nella mano non solo con i produttori o gli esportatori, ma anche con la partecipazione di scienziati, ricercatori, centri accademici e media specializzati, che hanno diffuso permanentemente le qualità e i benefici del frutto. Il tutto in un ambiente collaborativo, costante trasferimento di informazioni e conoscenze. Dirigendo gli sforzi per l’espansione della coltura in tutto il mondo e il miglioramento continuo del suo frutto.

BENEFICIO PER TUTTI

Nelle conclusioni dell’ultimo IBO realizzato in Perù, si fa riferimento a questo fenomeno “atipico” dello sviluppo dell’industria del mirtillo:

“… Ciò che non è normale per i mirtilli è il grado in cui l’industria ha raggiunto un grande successo attraverso un livello unico di collaborazione e apertura, lavorando su questioni che vanno a beneficio di tutti. Questo è iniziato con la passione per l’agricoltura e un approccio collegiale con gli altri operatori del settore. Questa parte della storia dei mirtilli ha fatto molto per creare le opportunità di cui tanti hanno goduto fino ad oggi. “

IL PERICOLO DELL’ENDOGAMIA

Non dobbiamo mai dimenticare che il successo del mirtillo in espansione in tutto il mondo è stato raggiunto in questo modo, in modo collaborativo, trasferendo la massima quantità di informazioni e conoscenze relative ai diversi aspetti della coltura, sia nella sua fase agronomica che commerciale, e considerando tutti gli operatori del settore come protagonisti con diritti, a livello superiore o inferiore.

Se cominciamo a percorrere la strada della consanguineità, e l’industria comincia a chiudersi solo agli attori più strettamente legati tra loro, perdendo così l’ambiente aperto e partecipativo, e la modalità collaborativa in cui l’industria si è sviluppata fino ad ora, allora assisteremo alla fine di questo sorprendente fenomeno commerciale che ha significato l’irruzione dei mirtilli nei mercati mondiali, e che tutti noi abbiamo realizzato.

Fonte: Martin Carrillo O. – Blueberries Consulting
Blueberries Consulting è parte del network globale di Italian Berry


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!